La commercializzazione dell’asparago agli International Asparagus Days

Oggi la seconda giornata degli International Asparagus Days con un workshop sulle strategie commerciali

Al via gli International Asparagus Days di Cesena Fiera. “Una fiera verticale, specializzata su un prodotto specifico ha detto  l’assessore all’Agricoltura dell’Emilia Romagna, Simona Caselli al taglio del nastro – è un ottimo strumento per attrarre persone da tutto il mondo e per avere uno scambio e un aggiornamento su tecniche, tecnologie, macchine e metodologie di lavoro.

“Nel caso dell’asparago sappiamo – ha continuato l’assessore – che la produzione mondiale è insufficiente rispetto alla domanda, quindi siamo davanti a un prodotto che ha ampie possibilità di crescita. Un prodotto importante nella nostra regione che vede la presenza dell’Igp Asparago verde di Altedo e un importante punto produzione nel piacentino”.

In Italia se ne coltivano 9.500 ettari (terzo produttore in Europa), di cui 719 in Emilia Romagna, regione che conta una produzione di 4380 tonnellate complessive (piano campo e serra, fonte Istat).

 

Oggi il workshop sulle strategie commerciali

International Asparagus Days prosegue nella giornata di oggi  mercoledì 17 ottobre (ore 9-18) con le proposte di una ottantina di espositori da tutto il mondo, e due appuntamenti convegnistici.

Si parte alle 9.30 sulle “Strategie commerciali dell’Asparago” con diversi i case history: dalla Germania Isabelle Kokula (“Situazione ed evoluzione dell’asparago e le ultime tecnologie in Germania”), dall’Italia Luciano Trentini (“Situazione ed evoluzione dell’asparago in Italia: la meccanizzazione dell’asparago”), dal Messico Frederico Piccone e dalla Svizzera Dominique Ruggli (Situazione ed evoluzione dell’asparago i Messico, i microrganismi nelle coltivazioni dell’asparago”), dalla Francia Jean Michel Colliaud (“Esperienza sull’estrazione di molecole di pesticidi nelle acque di pozzo e nelle acque reflue”). Nel pomeriggio alle 14.30 (sala Tre Papi) ci sarà la Tavola Rotonda su “Asparagi per il mercato: prodotto convenzionale, biologico, biodinamico”.

Elisa Macchi del Cso presenta un focus su “Il consumo dell’asparago in Italia e in Europa”, a seguire lo sguardo si sposta sulla visione commerciale di Gdo e Mercati generali, chiude la sessione Federico Nadaletto su “L’uso dei microrganismi in Italia”.

Proseguono le prove in campo, dalle 14 alle 17, con 18 sessioni sulle più moderne tecnologie, applicate all’asparago bianco e verde.

 

 

 

 

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here