Andamento prezzi ortofrutta al 21 novembre

In calo le quotazioni delle clementine, arance, lattughe; in rialzo melanzane e zucchine. Stabili pere, mele, cavolfiori e pomodori

Prezzi stabili per le mele, piena produzione per il prodotto italiano
Prezzi stabili per le mele

Alti quantitativi per le clementine italiane, con domanda in crescita grazie alle temperature invernali. È ormai nel vivo la campagna delle arance Navelina siciliane. Per le mele è arrivata a scaffale la varietà Cripps Pink dell’Alto Adige. Prime partite dei pomodori tondi sardi.

Grazie all’accordo con Borsa Merci Telematica Italiana (Bmti) e Italmercati pubblichiamo la rilevazione dei prezzi dell’ortofrutta presso i mercati all’ingrosso al 21 novembre 2022. Qui di seguito una sintesi delle principali tipologie di frutta e ortaggi in commercio. Nel pdf scaricabile trovate il dettaglio dei grafici e i rilevamenti sulle principali piazze italiane: Milano, Bologna, Padova e Roma.

Scarica i prezzi dell’ortofrutta in Italia al 2021 novembre in PDF cliccando qui

Arance: prezzi in diminuzione

È entrata nel vivo la campagna delle arance Navelina siciliane con conseguente aumento dei quantitativi e calo delle quotazioni. La domanda non ha ancora raggiunto alti livelli ma sta aumentando con l’arrivo del freddo. È terminata la vendita delle arance bionde spagnole e delle tardive sudafricane.

Cavolfiori: prezzi tendenzialmente stabili

Le quotazioni dei cavolfiori non evidenziano particolari fluttuazioni. Buona la presenza di prodotto sia della varietà bianco che romanesco con domanda regolare. Si assiste a un leggero calo di prezzo nella piazza di Bergamo.

Clementine: prezzi in calo

Si registrano alti quantitativi per le clementine italiane, fattore che ha impresso ai prezzi una spinta verso il basso. In entrata anche prodotto calabrese di qualità buona. Per effetto della presenza di prodotto italiano stanno terminando le importazioni di prodotto spagnolo (varietà Oronules). La domanda, che sta crescendo con l’arrivo delle temperature invernali, è particolarmente rivolta verso le clementine italiane.

Lattughe: prezzi in discesa

Le lattughe fanno registrare un calo delle quotazioni dovuto a un deciso aumento dei quantitativi a fronte di una domanda contenuta. SI segnalano importanti flessioni di prezzo soprattutto nel mercato di Roma in cui vi è una forte presenza di prodotto locale e abruzzese. Trend leggermente superiore all’anno precedente per le Iceberg spagnole sulle quali incide l’aumento dei costi di trasporto.

Melanzane: prezzi in leggero aumento

Buona la domanda per le melanzane con presenza quasi esclusiva di prodotto italiano, soprattutto siciliano. È terminata la produzione del prodotto spagnolo. Prezzi in leggero aumento con la domanda che sta aumentando. Terminata ormai la produzione in piena area, risultano disponibili melanzane di buona qualità prodotte in serra.

Mele: prezzi stabili

Prezzi stabili per le mele per le quali si segnala una fase di piena produzione per il prodotto italiano. Da ultimo è entrata anche la varietà Cripps Pink dell’Alto Adige. Regolare la domanda che tende all’aumento con le temperature in discesa. Le quotazioni sono in linea con la media del periodo.

Pere: prezzi stabili

Non si rilevano decisi scostamenti nelle quotazioni delle pere rispetto alla settimana precedente. Buona la disponibilità di prodotto a fronte di una domanda che aumenta con l’entrata delle temperature autunnali. Prezzi inferiori rispetto all’anno precedente grazie ai buoni quantitativi raccolti.

Pomodori: prezzi tendenzialmente stabili

Si denota ancora un trend alto per la maggior parte delle varietà di pomodori. Nonostante la crescita della produzione i quantitativi risultano ancora non particolarmente elevati. Si rilevano prezzi alti per i datterini e tondo rosso a grappolo. Il livello alto dei prezzi è riconducibile ai minori quantitativi prodotti e all’aumento dei costi di produzione. Buona la qualità del prodotto siciliano particolarmente richiesto dai consumatori. In entrata la varietà tondo liscio importato dal Marocco. Si segnalano le prime partite di pomodori tondi sardi.

Zucchine: prezzi in lieve aumento

Salgono i prezzi della zucchina soprattutto nelle piazze di Bologna e Roma. La domanda comunque non registra particolari aumenti e la produzione procede regolare. Su base tendenziale, si segnalano dei ribassi, complice il livello di domanda medio basso.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome