Patate e cipolle, prezzi in aumento in tutta Europa

La Borsa Patate di Bologna registra punte di 0,10 cent/kg: rese in linea con gli anni passati. Massimo Cristiani, presidente di Selenella: "Pronti a soddisfare incremento della richiesta"

Aumentano le quotazioni delle patate e anche i suoi consumi
Aumentano le quotazioni delle patate

Aumentano i prezzi di patate e cipolle negli areali europei mentre per le superfici interessate da produzioni destinate al mercato fresco si prevedono rese in linea con gli anni passati. I dati sono della Borsa Patate di Bologna, che nell’ultima seduta ha analizzato la situazione del mercato europeo.

L’incremento riguarda il prodotto di prima qualità: tra le cause anche le continue piogge

Massimo Cristiani, alla guida di Selenella-Consorzio Patata Italiana di Qualità
Massimo Cristiani, presidente di Selenella-Consorzio Patata Italiana di Qualità

L’aumento del prezzo di patate e cipolle in tutti gli areali produttivi europei, Italia compresa, registra punte di 0,10 cent/kg, sottolinea  l’organismo rappresentativo di tutta la filiera. L’incremento riguarda il prodotto di prima qualità, ad alta lavabilità, per le varietà più apprezzate e quindi inserite nei programmi di filiera. Tra le cause, il mancato e atteso incremento della produzione, determinato da condizioni climatiche avverse, come le continue piogge, che hanno inficiato anche la qualità del prodotto raccolto, e il costante aumento dei consumi registrato nelle ultime settimane.

“Siamo pronti a soddisfare il previsto incremento della richiesta di patate e cipolle, garantendo l’ottima qualità dei nostri prodotti -ha commentato Massimo Cristiani, presidente di Selenella – Consorzio Patata Italiana di Qualità-. L’eccellente lavoro portato avanti dalla nostra filiera ci permetterà di continuare a offrire prodotti di alta qualità, 100% italiani. Valori distintivi di Selenella, riconosciuti e sempre più apprezzati dalla Gdo e dai consumatori, come confermato dai dati di vendita in costante aumento”. L’incremento delle quotazioni delle produzioni nazionali segue a un periodo caratterizzato da valori al di sotto dei costi di produzione. E sembra tendere ai valori registrati nel corso della scorsa stagione.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome