T18, servono i volumi per portare il gusto del territorio piemontese in gdo

Dal peperone di Carmagnola all'uva fragola, sono molte le eccellenze piemontesi che T18 porta anche in gdo con il progetto Il gusto del territorio

È stato presentato nei giardini della Reggia di Venaria il progetto di T18 Il Gusto del Territorio, una nuova linea di prodotti ortofrutticoli che si pone come obiettivo quello di valorizzare e far arrivare anche nel canale della grande distribuzione le eccellenze del territorio piemontese.

A partire dal Potager Royal, una parte del giardino della Reggia di Venaria, che T18 ha in gestione da inizio anno e in cui ha creato un percorso tra i gusti dei frutti della terra coltivando in piccoli appezzamenti un esempio delle sue 56 referenze ortofrutticole.

“Quest’anno il peperone di Carmagnola -ha detto Edoardo Ramondo, amministratore delegato di T18- ha avuto una richiesta che è sempre stata superiore alla disponibilità, e così ci sono diversi prodotti, che a volte si erano un po’ persi, che hanno un risultato eccellente sotto il profilo qualitativo e quantitativo che vogliamo valorizzare”.

Oltre al tipico peperone piemontese si possono trovare anche la susina ramasin, la pera madernassa, albicocche, l’uva fragola, ma anche fagioli borlotti, cardo gobbo, asparagi, e molte altre tipicità che difficilmente sarebbero arrivate nei canali della distribuzione moderna.

Aiutare i produttori locali ad arrivare su nuovi canali

“Il Piemonte sconta il fatto di avere molte piccole aziende agricole -continua Ramondo-, la quale pur avendo eccellenti tipicità regionali non ha le capacità sufficienti in volume per arrivare sui canali in espansione che sono rappresentati dalla grande distribuzione. Noi siamo qui per questo: creare un coordinamento organizzativo, commerciale e distributivo che ormai si è reso obbligatorio”.

Il nuovo progetto Il Gusto del Territorio non si fermerà solo al Piemonte ma si espanderà anche alla Sicilia, territorio con il quale T18 collabora da tempo e che sarà al centro di una nuova tappa

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here