Andamento prezzi ortofrutta in Italia al 20 settembre

Quotazioni ancora in aumento per i pomodori; in rialzo anche per pere e angurie. Scendono per cetrioli, fichi d’India, pesche e nettarine, uva da tavola e zucchine

Grande disponibilità per diverse cultivar di uva da tavola
Grande disponibilità per diverse varietà di uva da tavola

Nuovo aumento per le quotazioni dei pomodori. I prezzi risultano raddoppiati rispetto alla media del periodo per i ciliegini, datterini e piccadilly. Volge al termine la campagna delle pesche e delle nettarine, con molto prodotto di giacenza e risvolti negativi sui prezzi. Entra nel vivo la campagna dei fichi d’India siciliani ma la domanda non decolla.  Si rilevano elevati  quantitativi per le diverse varietà di uva da tavola, soprattutto bianca Vittoria, senza semi e Red globe.

Grazie all’accordo con Borsa Merci Telematica Italiana (Bmti) e Italmercati pubblichiamo la rilevazione dei prezzi dell’ortofrutta presso i mercati all’ingrosso al 20 settembre 2021. Qui di seguito una sintesi delle principali tipologie di frutta e ortaggi in commercio. Nel pdf scaricabile trovate il dettaglio dei grafici e i rilevamenti sulle principali piazze italiane: Milano, Bologna, Padova e Roma.

Scarica i prezzi dell’ortofrutta in Italia al 20 settembre in PDF cliccando qui

Angurie: prezzi in lieve rialzo

Ultime battute per le angurie che mantengono quotazioni stabili per la maggior parte dei mercati, eccezion fatta per un rialzo nella piazza di Torino. La domanda risulta stabile su livelli medio bassi.

Cetrioli: prezzi in calo

Per i cetrioli è ormai terminato il periodo estivo di maggiore richiesta. Il livello dei prezzi, in calo rispetto la settimana precedente, è tornato su livelli normali.

Fichi d’India: prezzi in lieve calo

Entra nel vivo la campagna dei fichi d’india siciliani ma la domanda non decolla, fattore che ne ha determinato un calo delle quotazioni. Buona la disponibilità di prodotto che tenderà ad aumentare ulteriormente col proseguo della raccolta.

Pere: prezzi in lieve rialzo

Si registra un rialzo delle quotazioni per le pere nazionali a fronte di un’offerta su buoni livelli. Aumenta la domanda soprattutto per le varietà William.

Pesche e nettarine: prezzi in leggero calo

Volge al termine anche la campagna delle pesche e delle nettarine, caratterizzata da una minore domanda e molto prodotto di giacenza con risvolti negativi sui prezzi. Si segnala tuttavia come la campagna, nel complesso, sia risultata particolarmente attiva con quotazioni medio alte, complice i minor quantitativi disponibili a causa del maltempo in primavera.

Pomodori: prezzi in aumento

Nuovo aumento per le quotazioni dei pomodori, in particolar modo per le varietà rosso. I prezzi risultano raddoppiati rispetto alla media del periodo per i ciliegini, datterini e piccadilly. Il dato è da attribuire alla bassa disponibilità di prodotto siciliano a causa del forte caldo estivo. Nelle prossime settimane, col calare delle temperature, i quantitativi raccolti dovrebbero però aumentare.

Susine: prezzi tendenzialmente stabili

Prosegue all’insegna della regolarità la campagna delle susine, con maggiore disponibilità di prodotto tardivo come le varietà Black. Timidi rialzi in alcune piazze per le varietà meno disponibili in corrispondenza della fine della campagna.

Uva da tavola: prezzi in leggero calo

Si rilevano elevati  quantitativi per le diverse varietà di uva da tavola, soprattutto bianca Vittoria, senza semi e Red globe. Prezzi per lo più stabili ma con un livello alto rispetto le annate precedenti, nonostante la domanda su livelli normali.

Zucchine: prezzi in calo

Calano le quotazioni delle zucchine, con un’alta disponibilità di prodotto a fronte di una richiesta stagnante. Da segnalare come il calo delle temperature siano portando a un maggiore approvvigionamento di prodotto scuro lungo.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome