Andamento prezzi ortofrutta in Italia al 25 maggio

Caldo protagonista: angurie già presenti con volumi consistenti nei mercati italiani. Disponibili in quantità sempre maggiori le albicocche per cui continua il calo delle quotazioni. Stabili quelle delle ciliegie, mentre le fragole sono ancora oggetto di una nuova fluttuazione al rialzo

L'improvviso forte rialzo delle temperature ha modificato la domanda dei prodotti ortofrutticoli. Diverse colture hanno sofferto gli sbalzi termici
Il forte rialzo delle temperature ha modificato la domanda dei prodotti ortofrutticoli

Il caldo anticipa la disponibilità delle colture: le angurie sono già presenti in volumi consistenti nei mercati italiani. Si trovano in quantità via via maggiori anche le albicocche, per cui continua il calo delle quotazioni. Stabili quelle delle ciliegie, mentre le fragole sono ancora oggetto di una nuova fluttuazione al rialzo.

Grazie all’accordo con Borsa Merci Telematica Italiana (Bmti) e Italmercati pubblichiamo la rilevazione dei prezzi dell’ortofrutta presso i mercati all’ingrosso al 25 maggio 2020.

Qui di seguito una sintesi delle principali tipologie di frutta e ortaggi in commercio, nel pdf scaricabile trovate il dettaglio dei grafici e i rilevamenti sulle principali piazze italiane: Milano, Bologna, Padova e Roma.

Scarica i prezzi dell’ortofrutta in Italia al 25 maggio in PDF cliccando qui

Albicocche: prezzi in calo

Continua il calo delle quotazioni per le albicocche, disponibili in quantità via via maggiori nei mercati: si segnala l’arrivo di partite di Pricia e di tipo Cott precoci per la provenienza nazionale, che ha acquisito una fetta di mercato più importante rispetto alle settimane precedenti. Il livello della qualità, anche per le albicocche spagnole, è in via di aumento.

Angurie: prezzi leggermente in calo

Quotazioni leggermente in calo per le angurie, già presenti in quantità consistenti nei mercati italiani. La maggioranza delle partite è di provenienza siciliana e greca, cui si aggiungerà presto anche la produzione lombarda. La qualità del prodotto è piuttosto alta per il periodo.

Asparagi: prezzi in leggero aumento

Prosegue in maniera regolare la campagna degli asparagi, contraddistinta da grandi quantità di prodotto disponibile da tutte le regioni italiane.

Ciliegie: prezzi tendenzialmente stabili

Si sono stabilizzate le quotazioni delle ciliegie, ora in fase di “transizione” fra la varietà Bigarreau e le più comuni duroni. In alcuni mercati sono presenti anche le produzioni pugliesi di Giorgia e Ferrovia, di ottima qualità.

Cipolle: prezzi tendenzialmente stabili

Anche le cipolle evidenziano una certa stabilità di prezzi: la campagna del fresco procede con prodotto di qualità, soprattutto per la Rossa di Tropea, di cui sono già presenti anche le prime partite essiccate.

Fragole: prezzi in aumento

Dopo i cali che hanno caratterizzato la settimana precedente, siamo di fronte ad una nuova fluttuazione al rialzo per i prezzi delle fragole: sono in esaurimento le varietà “invernali” e la Favette, mentre aumenta sempre più la disponibilità di fragole primaverili/estive, come la Fortuna.

Pomodori: prezzi in leggero calo

Ancora in calo le quotazioni dei pomodori piccoli (Ciliegini, Datterini e Piccadilly), che sono ancora caratterizzati da una spiccata produttività. Si riscontrano cali anche per i pomodori a grappolo di provenienza nazionale, molto produttivi e affiancati anche dalle produzioni spagnole e olandesi.

Zucchine: prezzi tendenzialmente stabili

Ancora all’insegna della stabilità la campagna delle zucchine. La qualità è buona, soprattutto per le produzioni laziali, caratterizzate da un buon rapporto qualità-prezzo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome