È nato Oita, il primo osservatorio sul trasporto degli alimenti

Nei giorni scorsi è stato costituito l’Oita, Osservatorio interdisciplinare trasporto alimenti. Si tratta di un’esperienza inedita e allo stesso tempo rivoluzionaria in Italia perché rappresenta un polo consultivo e propositivo (mai avuto fino ad ora nel mondo della logistica) che punta ad approfondire le tematiche connesse all’ottimizzazione del trasporto, della distribuzione e della logistica del food&beverage, dei prodotti farmaceutici e del trasporto degli animali vivi.

CLARA RICOZZI

Gli obiettivi. «Abbiamo ritenuto -spiega la presidente esecutiva, Clara Ricozzi – di porre al centro dell’attenzione dei soggetti pubblici e privati interessati la domanda di qualità e di sicurezza del trasporto e distribuzione degli alimenti, ed anche dei prodotti farmaceutici, che proviene dal mondo dei consumatori. Benché il commercio mondiale di prodotti deperibili cresca del 3% annuo, lo scenario attuale delle operazioni di trasporto e di logistica presenta preoccupanti lacune conoscitive, normative e certificative. Allo stato attuale manca una classificazione delle imprese adibite al trasporto e alla distribuzione di queste merci particolarmente sensibili e non è stata mai fatta una ricerca ad hoc né sul grado di possibile deperimento, qualitativo e nutrizionale, dei beni alimentari, conseguente al trasporto, né sull’efficacia dei controlli sull’intera supply chain. Basti pensare, per esempio, agli effetti del trasporto in condizioni igieniche precarie, o dell’esposizione prolungata a determinati agenti atmosferici, sulle caratteristiche organolettiche di alcuni prodotti, come le acque minerali e i vaccini. Oltretutto, in Italia, a differenza di altri Paesi europei, non esiste una valutazione coordinata e unitaria dei risultati dei controlli sulle sostanze alimentari, che fanno capo a singole strutture pubbliche».

I player. In questo senso, uno degli obiettivi dell’osservatorio è quello di stimolare il confronto fra i settori dell’agroalimentare, dell’autotrasporto e della distribuzione (ivi comprese le case costruttrici di veicoli), nel quale coinvolgere le istituzioni competenti e il mondo accademico, per arrivare ad una seria politica di controllo della qualità e del rispetto delle norme vigenti.

«Al momento – continua Ricozzi – non fruiamo di finanziamenti pubblici ma ci avvaliamo del supporto di aziende private e organismi associativi legati a vario titolo al settore dei trasporti, che hanno dimostrato particolare interesse e sensibilità nei confronti di questa iniziativa».

Tra i primi step dell’osservatorio è previsto il censimento (mai realizzato fino ad ora) delle aziende che trasportano cibo a vario titolo e in diversi regimi di temperatura, nonché degli organi di controllo e di certificazione, la stesura di un libro bianco sul trasporto degli alimenti e l’elaborazione di linee guida per un protocollo interministeriale finalizzato a razionalizzare e ad armonizzare i controlli nella fase del trasporto dei prodotti alimentari e farmaceutici. Sono in cantiere anche progetti per favorire la ricerca e la sperimentazione mediante borse di studio, master e dottorandi con importanti università.

La struttura. «Il board e il comitato tecnico si sono appena insediati – conclude Ricozzi – intendiamo porre mano alla classificazione degli alimenti in funzione delle loro esigenze di conservazione, con particolare attenzione al mantenimento delle temperature controllate sui veicoli che li trasportano, e realizzare il censimento degli operatori interessati, sia sul fronte della produzione, sia su quello del trasporto, avvalendoci anche dei data base che saranno messi a disposizione dai componenti del Comitato tecnico scientifico provenienti dalle organizzazioni associative dell’autotrasporto. Ci auguriamo di poter concludere questa fase di lavori prima della pausa estiva».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here