Al via l’accordo Apofruit e Bper Banca

da sinistra: - Gaetano Andreghetti – Direttore amministrativo Apofruit Italia - Maurizio Marchesini - Referente Agricoltura - BPER Banca Servizio Family Poe - Ilenio Bastoni – Direttore generale Gruppo Apofruit - Giuliano Lugli – Direzione Territoriale Romagna BPER Banca - Mirco Zanotti – Presidente Apofruit Italia - Gabriele Fabbri - Assistente Agricoltura - BPER Banca D.T.Romagna- Uff.Mercato Family e Poe - Davide Marconi – Consigliere Delegato Apofruit Italia - Gianluca Balzani – Vice Presidente Apofruit Italia - Luca Corradi - Direzione Territoriale Romagna BPER Banca

Credito agevolato per i soci di Apofruit con l’accordo stipulato dalla cooperativa ortofrutticola di produzione e commercializzazione con Bper Banca, un istituto bancario tradizionalmente vicino ai territori, alle famiglie e alle imprese. Significa un servizio in più per gli oltre 4mila produttori associati alla cooperativa che ha chiuso il 2016 con un fatturato 294 milioni di euro per 330 mila tonnellate di frutta e verdura commercializzata.

Le agevolazioni creditizie riguardano finanziamenti agrari dedicati con condizioni particolarmente vantaggiose. Tre i prodotti a disposizione dei soci: l’anticipo sulle spese colturali, l’anticipo sui crediti di conferimento e il finanziamento per l’acquisto di un fondo rustico o per la realizzazione di un nuovo impianto di frutteto.

“Questo accordo – evidenzia il presidente di Apofruit, Mirco Zanotti – oltre a favorire l’accesso al credito, non sempre facilmente disponibile per le piccole e medie imprese, comporta condizioni decisamente più interessanti rispetto a quelle standard. Le diverse facilitazioni proposte da Bper Banca variano a seconda del volume d’affari e delle dimensioni dell’azienda. La cooperativa, da parte sua, elabora una scheda informativa con le caratteristiche dell’azienda richiedente basata sui dati storici dei conferimenti”.

“Ogni nostra azienda agricola che intenderà accedere a quanto stabilito dall’accordo – spiega ancora Zanotti –aprirà un conto corrente presso Bper Banca sul quale si impegna a canalizzare i crediti che vanta verso Apofruit per il conferimento dei prodotti ortofrutticoli”.

Gli anticipi concessi avranno la durata di un anno, mentre per gli altri tipi di finanziamento sono previsti rimborsi di medio e lungo periodo.

L’accordo si propone di intercettare l’interesse di numerose aziende del comparto agricolo, in modo particolare quelle che hanno vissuto recentemente situazioni di difficoltà dovute ad eventi climatici avversi.

 

Piraccini Secondo entra in Apofruit

Al Gruppo Apofruit si è aggiunto intanto un nuovo socio, la società cesenate di import-export ortofrutticolo Piraccini Secondo. La partnership, presentata a Macfrut 2017, rafforza la specializzazione sulla frutta estiva, in particolare fragole e kiwi in un gioco di squadra che guarda all’internazionalizzazione.

La Op Apofruit si apre ai produttori della storica azienda cesenate Piraccini Secondo, che attraverso la partecipazione di Apofruit nel capitale diventa filiale di organizzazione di produttori.

La Piraccini Secondo, impresa commerciale fino ad ora affacciata principalmente sul mercato nazionale, mantiene i 4 stabilimenti (due a Cesena, uno a Scanzano Jonico, uno a Imola, più un centro di ritiro a Velletri), 20 milioni di euro di fatturato annuo, 380 produttori fidelizzati che consegnano i loro prodotti alla struttura commerciale per il collocamento sui mercati.

“L’accordo porterà concreti vantaggi alle aziende che fanno riferimento alle due strutture. Per il nostro Gruppo – ha spiegato Ilenio Bastoni, direttore generale di Apofruit – questo progetto rappresenta una ulteriore azione per aggregare produttori, per essere presenti su nuove aree produttive e per rafforzare la specializzazione su alcuni prodotti, come la frutta estiva, le fragole e i kiwi, che rappresentano le produzioni principali delle due imprese. Ma già dalla prossima campagna estiva – scandisce Ilenio Bastoni – attueremo sinergie sui mercati più lontani, in un’ottica di internazionalizzazione più marcata”.

“L’accordo con Apofruit – gli fa eco Valchirio Piraccini, consigliere delegato della Piraccini Secondo – consentirà alla nostra azienda di offrire ulteriori sbocchi alle produzioni dei nostri produttori. Inoltre consentirà alle aziende di entrare nel sistema ortofrutticolo organizzato, avere la possibilità di attingere all’innovazione varietale di cui Apofruit dispone e cogliere tutti i benefici offerti dalla normativa comunitaria quali l’Ocm, strumento fondamentale per sostenere le aziende agricole nei loro piani di sviluppo”.

In aggiunta, il progetto consentirà l’ingresso dei produttori della Piraccini nella base sociale di Apofruit e permetterà al Gruppo Apofruit di rafforzare la propria presenza sui mercati.

da sinistra: Mirco Zanotti, presidente Apofruit; Valtiero Piraccini, Valchirio Piraccini, Walther Piraccini, Ilenio Bastoni, direttore generale Apofruit
da sinistra:
Mirco Zanotti, presidente Apofruit; Valtiero Piraccini, Valchirio Piraccini, Walther Piraccini, Ilenio Bastoni, direttore generale Apofruit

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here