Sipo, un successo il progetto digitale Brand Ambassador

Coinvolte 174 mila persone sui social grazie a un team di 15 professionisti che

I risultati del progetto Sipo Brand Ambassador sono stati comunicati nel corso di un convegno che si è svolto a Bellaria-Igea Marina
I risultati del progetto Sipo Brand Ambassador sono stati comunicati nel corso di un convegno a Bellaria-Igea Marina

Risultati molto positivi per Sipo Brand Ambassador, progetto digitale che nasce per comunicare in modo innovativo e coinvolgente sui social network il mondo Sipo. “Siamo assolutamente soddisfatti”  ha dichiarato la coordinatrice e ideatrice Simona Riccio, qui sotto con Massimiliano Ceccarini, general manager di Sipo.

L’azione su Facebook, Instagram, Linkedin e Twitter ha portato a 572 mila visualizzazioni di 170 post

Sipo Brand Ambassador è un progetto digitale che nasce per comunicare in modo innovativo e coinvolgente sui social il mondo Sipo. Il lavoro è sviluppato da un team di 15 professionisti di varia estrazione professionale.

I primi risultati sono stati comunicati nel corso di un convegno che si è tenuto a Bellaria-Igea Marina (Universo Food. Mondo Bio e Veg. Le tecnologie digitali cambiano l’agroalimentare e supportano nuovi modelli di business). Al convegno hanno preso parte le due Sipo Brand Ambassador, Romina Mattoni e Paola Di Giambattista, oltre a Massimiliano Ceccarini, general manager di Sipo, Lorenzo Contò e Mario Nappi, sales department dell’azienda.

“Del risultato ottenuto dal progetto #SipoBrandAmbassador siamo assolutamente soddisfatti –ha dichiarato Simona Riccio–. Sono stati coinvolti 15 brand ambassador, attivi  su 4 piattaforme di social network: Facebook, Instagram, Linkedin e Twitter. Attraverso un calendario editoriale organizzato, sono stati pubblicati 170 post con 572 mila impression totalizzate globalmente. Gli utenti coinvolti in rete, sui soli canali Twitter e Instagram, sono stati 174 mila”.

View this post on Instagram

Hai presente quando vedi una carota e senti già il profumo, l’acquolina in bocca, ti sembra di sentirne già il sapore e ti vien voglia di sgranocchiarla subito? Vi confesso che non mi succede sempre, non con qualsiasi carota (vale per qualunque prodotto) perché ormai sono diventata impassibile a quella perfezione veicolata da attività di marketing affascinanti non sempre e necessariamente realistiche. Conoscere ciò che mangiamo ci permette di selezionare il meglio per noi, esigere la qualità e portare in tavola il top certi che quegli alimenti scelti hanno una storia dietro, fatta di valori e persone prima che di belle immagini. Ricordandovi l’importanza delle verdure crude prima dei pasti, sfiziandovi nelle proposte coinvolgendo magari i bambini come nel caso di questi spaghetti di carote, 🥕 vi lascio con una frase che racconta perfettamente il mio pensiero, invitandovi a farlo diventare vostro: “Ho bisogno di conoscere la storia di un alimento, devo sapere da dove viene. Devo immaginarmi le mani che hanno lavorato e cotto ciò che mangio.” #SipoBrandAmbassador Ci vediamo al @macfrut_official @sipo_italia #nutribiocoach #informabio #meritiilmegliosceglibio #dalcampoallatavola #verdurediromagna #verdure #stagionalità #quality #aziendadifamiglia #macfrut #bio #biologico #cibobio #cibobiologico #organic #food #organicfood #green #eco #campagna #carote #caroteviola #ortointavola #ad

A post shared by Mirella Giannuzzi (@mirella_giannuzzi) on

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome