Presentati in anteprima a Fruit Logistica 2018, i cubi di “È quasi pronto” contengono tre basi vegetali fresche per preparare piatti di carne o pesce che Sab Ortofrutta lancia sul mercato per ampliare le referenze del brand Fast & Fresco.

In fiera ne abbiamo parlato con Giuseppe Micucci, consigliere delegato di Sab Ortofrutta, che ci ha illustrato le novità, “si posizionano nel mondo fresh convenience food, sono una novità assoluta sul mercato e abbiamo dovuto lavorare su un packaging innovativo, per trasferire il messaggio corretto nell’utilizzo in cucina”.

Tre fasi per tre piatti con le basi “È quasi pronto”

Con le basi “È quasi pronto” si possono preparare piatti come maiale in agrodolce, straccetti alle erbe aromatiche, pesce alla mediterranea. Si sceglie l’ingrediente principale e in tre fasi, con una preparazione di circa 15 minuti, si ha un piatto pronto da servire in tavola.

Le tre fasi sono spiegate in dettaglio sui lati del cubo di “È quasi pronto”, una confezione originale e studiata nei dettagli per fornire tutte le informazioni al corretto utilizzo del prodotto.

Nel reparto ortofrutta della gdo da marzo

“Qui a Berlino i retailer stranieri hanno subito riconosciuto il valore e l’innovazione delle basi vegetali fresche – ha continuato Micucci -, c’è stato un grande interesse anche da parte dei buyer italiani, a cui stiamo spiegando le modalità di utilizzo del prodotto e siamo pronti nelle prossime settimane a introdurle sul mercato”.

Le basi vegetali “È quasi pronto” saranno disponibili all’interno del reparto ortofrutta, nel banco frigo, delle principali catene italiane a partire dal mese di marzo 2018.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato iscriviti alla newsletter gratuita.

1 commento

  1. Atitolo di raffronto , l’anno scorso dopo cinque letture il fatturato mostrava un progresso dell’1,12%, favorito soprattutto dal balzo dei prezzi dell’ortofrutta causato dalle gelate di quel periodo che avevano ridotto significativamente l’offerta. Non stupisce dunque che quest’anno sia proprio l’ortofrutta a soffrire maggiormente il confronto (-7,4% rispetto a dodici mesi prima).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here