Campagna 2015: bene per fragole, patate, carote e peperoni

Procede in discesa la campagna commerciale 2015 per fragole, patate, carote e peperoni. Secondo i dati di Ismea, diffusi oggi, che fanno una sorta di riepilogo della stagione in corso, l’andamento favorevole dipende da una riduzione dell’offerta sul mercato ma anche, come nel caso dei peperoni, dal fatto che il principale competitor, la Spagna, sia orientato verso i paesi dell’Est-Europa ad assorbire la crescente domanda.

Meno bene per mele, arance tardive, asparagi e carciofi che scontano, nei primi due casi, le conseguenze di un eccesso di offerta, effetto indiretto dell’embargo russo. Nei secondi due casi si registrano anticipazioni della maturazione dovute all’improvviso rialzo termico che ha determinato un eccesso di volumi sul mercato.

Le mele. Complessivamente, per la campagna in corso, prosegue con buon dinamismo l’attività di esportazione delle mele, soprattutto in Germania e nell’Est-europeo. Il mercato mantiene invece un tono piuttosto dimesso in ambito nazionale, in un contesto condizionato da un’offerta ancora rilevante e da stock che in Trentino Alto Adige risultano superiori del 14% a quelli dell’anno scorso. Piuttosto complessa questa fase della commercializzazione per le Granny Smith, di cui la Russia è un importante compratore. L’embargo di Mosca sta avendo in questo caso un impatto particolarmente evidente, lasciando un pesante vuoto di domanda difficile da colmare.

Le pere. Per le pere, scambi e listini mantengono un andamento regolare, ma sul mercato potrebbero a breve interferire i crescenti afflussi di merce provenienti dai paesi dell’Emisfero australe.

Le fragole. In relazione alle fragole, i prezzi, in fisiologica riduzione su tutte le piazze nazionali, anche per una maggiore pressione del prodotto spagnolo, restano su livelli decisamente interessanti, mostrando un divario positivo del 23% in media su base annua. Dopo un esordio positivo, per le arance tardive (varietà Ovale e Valencia Late) la concorrenza spagnola potrebbe riposizionare verso il basso il livello dei prezzi, anche se l’offerta nazionale resta piuttosto limitata a causa del maltempo di questi ultimi giorni che ha costretto gli operatori a effettuare diffuse selezioni in campo.

Gli ortaggi. Tra gli ortaggi si segnala una positiva evoluzione dei prezzi di patate novelle e carote, che potrebbe preludere a un andamento migliore anche questa settimana. Al contrario hanno ceduto posizioni i listini di asparagi e carciofi, a causa del rialzo termico che ha favorito le maturazioni e di conseguenza i volumi immessi sui mercati. Per i carciofi, in particolare, si registrano anche alcuni problemi di tenuta sul piano qualitativo. Mercati deboli anche per melanzane e zucchine in serra, a causa delle forti pressioni alla vendita dalla Spagna, mentre i peperoni mostrano un andamento complessivamente migliore, con l’offerta spagnola assorbita dalla forte richiesta dei paesi dell’Est Europa.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here