Agronomia apre stabilimento in Germania

Agronomia sbarca in Germania con un’unità produttiva.  La società, attiva nella produzione e commercializzazione  in Italia e all’estero di insalate di IV gamma, quotata sull’Aim dallo scorso 6 maggio, sta completando i lavori per mettere in funzione lo stabilimento in Baviera, Aufkirchen. L’operazione è in linea con il piano di sviluppo di Agronomia annunciato in fase di quotazione.

Il nuovo sito produttivo, che si sviluppa su un’area di 3mila mq, consentirà il confezionamento a regime di più di 10mila tonnellate di prodotto. La posizione strategica dello stabilimento, in prossimità delle principali piattaforme logistiche consente di massimizzare la freschezza del prodotto a scaffale, a beneficio della qualità organolettica e microbiologica offerta al consumatore tedesco.

Lo stabilimento è caratterizzato dalle tecniche all’avanguardia che Agronomia spa ha sviluppato in anni di ricerca in Italia e Israele: l’innovativo macchinario Mrt (Microbiological rapid test) per il controllo microbiologico del prodotto in tempo reale; l’ultrafiltrazione dell’acqua di lavaggio che consente un rilevante risparmio idrico e energetico, il Biossido di cloro in sostituzione al cloro, con la massima efficacia nel controllo della carica batterica.

Il valore del mercato tedesco della IV gamma nel 2013 (fonte Mintel, OECD) è stato di oltre 700 milioni di euro. Un mercato in continua espansione dove il segmento delle insalate pronte all’uso ha ampi margini di crescita. Il consumatore tedesco è molto attento al biologico e alle certificazioni di prodotto.

In aggiunta agli investimenti industriali, Agronomia si rafforza,  anche in ambito commerciale, nei confronti del mercato e della concorrenza, grazie all’arrivo di Mario Ebel  nuovo responsabile commerciale per la Germania, l’Austria e la Svizzera.

Ebel, classe 1985, ha lavorato da Bonduelle Deutschland GmbH diversi anni dove ha ricoperto il ruolo di national key account con la responsabilità di clienti quali Rewe Group, Discount, Markant.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here