Andamento prezzi ortofrutta in Italia al 29 marzo

Aumentano le quotazioni di arance, carciofi e fave: in calo per fragole, asparagi, e zucchine

Continuano a essere sostanzialmente stabili i prezzi di mele e pere
Sempre stabili i prezzi di mele e pere

L’ingresso nei mercati del prodotto spagnolo ha determinato un calo della domanda delle fragole con conseguente abbassamento dei prezzi. Scendono anche per asparagi e zucchine. In rialzo le quotazioni delle arance, in particolare quelle rosse, carciofi e fave.

Grazie all’accordo con Borsa Merci Telematica Italiana (Bmti) e Italmercati pubblichiamo la rilevazione dei prezzi dell’ortofrutta presso i mercati all’ingrosso al 29 marzo 2021. Qui di seguito una sintesi delle principali tipologie di frutta e ortaggi in commercio. Nel pdf scaricabile trovate il dettaglio dei grafici e i rilevamenti sulle principali piazze italiane: Milano, Bologna, Padova e Roma.

Scarica i prezzi dell’ortofrutta in Italia al 29 marzo in PDF cliccando qui

Kiwi: prezzi stabili

Restano stabili le quotazioni del kiwi nazionale, segnato da una minore disponibilità di prodotto che tuttavia continua a soddisfare la domanda. La campagna del prodotto greco è ormai giunta al termine.

Arance: prezzi in leggero aumento

Le arance rosse segnano un leggero aumento nella piazza di Padova. Stabili le arance bionde. Si nota una maggiore domanda in questo periodo e un calo nei quantitativi. I prezzi si attestano su livelli inferiori rispetto alla media del periodo.

Asparagi: prezzi in leggero calo

Aumentano i quantitativi di asparagi a fronte di una leggera contrazione della domanda. Fattore che ha determinato un lieve calo nelle quotazioni, che restano comunque su livelli alti.

Carciofi: prezzi in aumento

Il freddo di questi ultimi giorni ha influito sulle quotazioni dei carciofi, soprattutto la varietà romanesco, con quantitativi in calo. Stabile invece le domanda.

Fave: prezzi in aumento

In netto aumento le quotazioni delle fave, complice la presenza di bassi quantitativi di prodotto.

Fragole: prezzi in calo

Le quotazioni delle fragole si mantengono su livelli alti. Nell’ultima settimana si è però assistito a un calo dei prezzi determinato da una diminuzione della domanda e dall’ingresso nei mercati di prodotto estero, soprattutto spagnolo.

Mele: prezzi stabili

Non si registrano particolari variazioni di prezzo per le mele. Buona la domanda di mele Fuji e Stark Delicious.

Pere: prezzi sostanzialmente stabili

Poche le variazioni di prezzo anche per le pere. È terminata la campagna della Decana Comizio nazionale. Si registra l’ingresso delle prime partite di prodotto estero come le varietà William sia Sudafrica, meno richieste, che Argentina. Buona la domanda anche per le pere Coscia argentine.

Piselli: prezzi stabili

Anche le quotazioni dei piselli evidenziano una sostanziale stabilità. Pur essendo bassa, la disponibilità di prodotto soddisfa a pieno la domanda, anch’essa su livelli medio bassi.

Zucchine: prezzi tendenzialmente in calo

Quotazioni delle zucchine in leggero calo o stabili nella maggior parte dei mercati. I prezzi si attestano su livelli inferiori rispetto alla media del periodo. Si rileva una domanda stabile per le zucchine e una buona disponibilità di prodotto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome