Contratto di filiera nel pomodoro: l’accordo tra Princes e Coldiretti

Siglato a Roma il 12 febbraio 2019 l'accordo tra Princes e Coldiretti sulla filiera del pomodoro pugliese da industria. Al lavoro anche per garantire la tracciabilità tramite blockchain

Una pietra miliare  l’accordo di filiera sottoscritto tra Princes e Coldiretti a Roma che si poggia su tutela del made in Italy, sviluppo dell’etica nel lavoro, della sostenibilità ambientale e sociale.

Princes, industria impegnata nella trasformazione del pomodoro nel suo stabilimento di Foggia, il più grande in Europa, offre agli imprenditori agricoli aderenti a Coldiretti la possibilità di sottoscrivere contratti di fornitura triennali, vendendo, nella Gran Bretagna dell’era Brexit, a un prezzo equo, ovvero basandosi sugli effettivi costi sostenuti dalle imprese, le quali hanno coltivato il pomodoro seguendo le regole di questo accordo di filiera del tutto nuovo.

Stop al caporalato e tracciabilità garantita dalla blockchain

Si combatte anche così l’annosa piaga del caporalato dando al lavoro delle regole certe, e si agisce sulla tracciabilità applicando la Blockchain. Verrà infatti sviluppata una piattaforma digitale basata sulla tecnologia Blockchain che, per la prima volta in Italia, sarà impiegata per un prodotto agricolo trasformato industrialmente.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome