Mele Val Venosta, un bollino pieno di sorprese

Un bollino interattivo che permette di accedere in tempo reale a contenuti web dove si racconta tutta la storia delle mele della Val Venosta. È l’ultima novità del marchio che riunisce i produttori di mele dell’Alto Adige: uno strumento smart, innovativo, e al tempo stesso emozionale. Facile e alla portata di ogni smartphone o tablet. Su ogni bollino e sul retro dei sacchetti di mele è stampato un QR Code. Basta fotografarlo per accedere a un sito web che mostra in modo trasparente le varie fasi di produzione, alla scoperta del mondo delle mele e del loro territorio. Tabelle, descrizioni, curiosità, foto e video conducono i consumatori attraverso un viaggio virtuale dentro un meleto in compagnia dei contadini.

Il percorso all’interno del sito si articola in diverse macroaree: territorio, produzione, sicurezza e varietà. Si possono conoscere i metodi produttivi, dalla lotta integrata alla coltivazione biologica, e grazie al codice di rintracciabilità si può a risalire al campo e al produttore delle mele acquistate.

Disponibile in 5 lingue, il QR Code è una vera e proprio finestra aperta sul mondo di Mela Val Venosta: dalla produzione alla tavola. «È un metodo di comunicazione non invasivo – spiega il marketing manager di VI.P Michael Grasser presentando la novità al Macfrut di Cesena – così i nostri clienti possono avere tutte le informazioni che vogliono sui nostri prodotti. Abbiamo fatto un grande lavoro per realizzarlo, speriamo sia apprezzato».

Grasser ha parlato anche della campagna melicola 2014-15: «Siamo in piena raccolta, il prodotto è buono e abbondante. L’embargo russo non ci danneggia direttamente perché per noi quel mercato vale il 2-3%. Il problema sono le mele di altri paesi, come la Polonia, che devono trovare sfogo sui mercati europei. Questo può provocare diminuzioni di prezzo, ma la qualità dovrebbe fare la differenza».

VI.P sta puntando molto sul biologico, con una quota produttiva ormai salita al 7-8% del totale. Le mele bio si vendono in Italia, Germania e Scandinavia.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here