I kiwi a marchio Sweeki sbarcano in Cina

14
Alessio Orlandi, General manager di Origine Group a Canton

Dopo la Spagna il nuovo obiettivo di Origine Group è la Cina: il primo container di kiwi a marchio Sweeki, nuovo brand del prodotto di fascia premium, è sbarcato nel Paese del Sol Levante. Destinazione finale il mercato ortofrutticolo di Guangzhou (Canton), la citta più ricca della Cina meridionale e il maggior porto per l’import-export dove il Consorzio, nato dalla volontà di 9 grandi player italiani della frutta (Afe, Apofruit, Frutta C2, Gran Frutta Zani, Kiwi Uno, Op Kiwi Sole, Pempa-Corer, Salvi-Unacoa, Spreafico), ha organizzato un evento di promozione in collaborazione con l’ufficio Ice locale e il Consolato italiano della città.

Lo scorso 6 gennaio si è svolta la cerimonia ufficiale del taglio del nastro con la presentazione del progetto Sweeki al Mercato generale, alla presenza del direttore generale del mercato di Guangzhou e del direttore generale Ice di Guangzhou, Paolo Quattrocchi.

“Il marchio Sweeki – ha detto il general manager di Origine Group, Alessio Orlandi – è un nuovo brand del kiwi italiano di qualità. L’Italia è famosa nel mondo non solo per le auto sportive, per la moda o per il calcio ma anche per il cibo e la frutta di qualità è uno dei pilastri del made in Italy nel mondo, così come il vino, l’olio extravergine d’oliva, il Parmigiano Reggiano, il prosciutto di Parma e l’aceto balsamico di Modena”. L’Italia è il secondo produttore al mondo di kiwi dopo la Cina. “In Italia – ha detto Orlandi – si producono 500mila tonnellate di kiwi e il 25% della produzione totale è gestito da Origine Group”.

Il progetto Sweeki di Origine Group continua attraverso un’attività di instore promotion presso la catena dei supermercati Taste, così da coprire due canali di mercato strategici, i Mercati generali e i supermercati.

Solo le partite migliori di kiwi si possono fregiare del brand Sweeki che garantisce la stessa qualità per tutto il periodo di commercializzazione: “Solo le partite che hanno almeno il 16% di sostanza secca possono diventare kiwi Sweeki e sono destinate all’esportazione sui mercati esteri con la garanzia di un alto livello di gradi Brix” ha concluso Orlandi.

Grazie anche alla collaborazione con l’Ufficio Ice e col consolato italiano sono stati avviati nuovi contatti per allargare il mercato cinese ad altri prodotti di qualità. Dopo i kiwi toccherà quindi alle pere di qualità, che Origine Group commercializza col marchio PeraItalia. Sono in corso le trattative.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here