Kiwi, le minori rese sostengono i prezzi

Elisa Macchi Cso

Buone notizie dal mercato del kiwi. Dall’incontro dell’Iko (International kiwifruit organization) che, come ormai di consuetudine, si è svolto a Berlino durante Fruit Logistica, è emerso un buon andamento della campagna 2013/2014, quanto meno per i produttori dell’emisfero Nord, dove le rese sono stata più contenute rispetto alla passata stagione e le quotazioni di mercato si stanno tenendo su buoni livelli.

All’incontro, coordinato dal Cso, erano presenti le delegazioni dei più importanti paesi produttori: Italia, Nuova Zelanda, Cile, Francia, Spagna e Grecia. «La produzione nell’emisfero Nord al di sotto del potenziale (per la Grecia è stata inferiore di oltre il 30% rispetto all’anno precedente) – ha commentato Elisa Macchi, direttore del Cso – e una maggiore propensione all’export stanno posizionando il mercato su buoni livelli di prezzo».

Le vendite risultano regolari in tutto l’emisfero Nord: per quanto riguarda la Grecia i produttori più organizzati dichiarano di aver venduto il 50% del prodotto, mentre i più piccoli e non strutturati con impianti di conservazione hanno già evaso circa il  70% dell’offerta.

Per quanto riguarda l’emisfero Sud, il Cile, a causa di diverse e devastanti gelate, dovrebbe presentare una produzione inferiore del 60% rispetto alla passata stagione, mentre per la Nuova Zelanda è attesa una produzione di circa 260mila tonnellate di Hayward, su livelli molto simili a quelli dell’anno scorso e si stimano circa 50mila tonnellate di kiwi a polpa gialla, contro le 30mila tonnellate del 2013, grazie soprattutto ai nuovi impianti della varietà G3 in sostituzione delle varietà gialle colpite da Psa.

E anche su questo fronte arrivano notizie confortanti; infatti nel 2013 il batterio è stato meno virulento

rispetto all’anno precedente, pur in condizioni climatiche non dissimili durante l’inverno e la primavera.

«Gli estirpi sistematici delle piante malate associati all’applicazione di corrette prassi di prevenzione – ha concluso Macchi – hanno permesso di contenere la diffusione della malattia. Questo a conferma della stretta e buona comunicazione fra i ricercatori e i tecnici dei paesi che hanno lavorato attorno al problema. Naturalmente è importante continuare la ricerca, finalizzata sia alla prevenzione che all’ipotesi di cura della malattia, ma soprattutto alla scoperta di nuove varietà tolleranti o resistenti».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato iscriviti alla newsletter gratuita.

1 commento

  1. It is really a nice and helpful piece of info. Im glad that you shared this helpful information with us. Please keep us up to date like this. Thanks for sharing. dgfdfeedeefegeec

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome