Il melograno diventa un superfood grazie al microbiota

Secondo una nuova ricerca, contrasta le infiammazioni intestinali croniche, fino al morbo di Crohn, grazie a un metabolita prodotto dalla flora intestinale che trasforma i polifenoli del frutto

Il melograno è oggetto di numerosi studi per l'azione combinata con il microbiota
Il melograno è oggetto di numerosi studi per l'azione positiva in sinergia con la flora intestinale

Le infiammazioni intestinale, fino al morbo di Crohn, possono essere contrastate consumando melograno. Lo sostiene una nuova ricerca pubblicata su Nature Communications e condotta dall’Institute for Stem Cell Biology and Regenerative Medicine (inStem)di Bangalore, in India, e dall’Università di Louisville, negli Usa.

Dal frutto all’healthy drink per la colazione: il momento d’oro del melograno

Lo studio ha individuato il meccanismo per contrastare queste patologie croniche, di cui soffrono 200mila italiani, in una molecola: un metabolita microbico che deriva dal melograno, l’urolitina. In sostanza il microbiota, la nostra flora intestinale, trasforma gli ellagitannini del frutto,  che appartengono alla categoria dei polifenoli, in urolitina che ha una fortissima azione antinfiammatoria.

Sui benefici melograno, che è tra l’altro ricco di antociani, continuano a prodursi nuovi studi. Quelli del Politecnico Federale di Losanna (EPFL), pubblicati su Nature Medicine, si sono concentrati sulle proprietà anti-age. Tra gli altri vantaggi, eserciterebbe anche un controllo sulla glicemia.

È un momento d’oro per il melograno, coltivato soprattutto tra settembre e ottobre. Sempre più presente nella gdo dove viene apprezzato anche come healthy drink, viene proposto  con maggiore frequenza anche nei bar per una colazione salutistica.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome