Ecco chi sono i più grandi retailer al mondo e in Italia

Il dato emerge dalla 23esima edizione dello studio Global Powers of Retailing di Deloitte che ha analizzato i fatturati per l'anno fiscale 2018 delle 250 più grandi catene del mondo

Conad cresce del 3,1% e sale al 69esimo posto della classifica dei più grandi retailer del mondo, seguita da Coop (71esima). Il dato emerge dello studio Global Powers of Retailing di Deloitte
Conad cresce del 3,1% e sale al 69esimo posto della classifica dei più grandi retailer del mondo, seguita da Coop (71esima)

Conad  scavalca Coop e diventa il primo retailer italiano per fatturato. Il dato emerge dallo 23esima  edizione dello studio Global Powers of Retailing di Deloitte che ha analizzato i risultati dell’anno fiscale 2018 delle prime 250 catene top del mondo.

Le italiane avanzano, la crescita maggiore è di Eurospin: +7,3%. Tre catene europee (Francia, Germania e Uk) nella top ten

Le performance delle principali catene italiane secondi i dati di Deloitte
Le performance delle catene italiane secondo la classifica elaborata da Deloitte

In particolare Conad (+3,1% di crescita) sale di 4 posizioni (69esimo posto) della classifica mondiale, seguita da Coop Italia (71esimo posto, invariato, +1,4%), Esselunga (117esimo, avanza di 4, +2,6%) ed Eurospin (158esimo, +7,3%), che fa un balzo di ben 10 posizioni. Nella lista globale ci sono 88 catene europee, di cui tre tra le migliori dieci: Schwarz Group (Germania), seguito da Aldi Einkauf (Germania) e Tesco PLC (UK). Germania (19 aziende), Regno Unito (14) e Francia (12) sono i Paesi più rappresentati, molto più dell’Italia (4).

Wal-Mart e Costco si riconfermano al primo e secondo posto, Amazon sale al terzo

Nella top ten, 7 aziende sono americane: Wal-Mart e Costco si riconfermano al primo e secondo posto, mentre sale di una posizione Amazon, al terzo, con una crescita  record del +18,2%, molto oltre la media della Top10 (+6,3%). Secondo il report Global Powers of Retailing 2020 i 250 retailer più grandi al mondo hanno generato un fatturato di 4740 miliardi di dollari nel corso dell’anno fiscale 2018 (tra luglio 2018 e giugno 2019), per una crescita del 4,1%, in leggera flessione di -1,6 punti percentuali rispetto all’anno precedente.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome