Andamento prezzi ortofrutta al 16 gennaio

In aumento le quotazioni di carciofi, cavolfiori, zucchine, lattughe, melanzane e pomodori; in calo arance e clementine. Stabili i mandarini

Si entra nel pieno della campagna delle arance
Prezzi in discesa per le arance

Dopo il caldo anomalo e le piogge, il freddo gioca un ruolo determinante nell’ortofrutta: spinge per esempio alla maggiore colorazione delle arance tarocco e favorisce  i prodotti adatti alla cottura, come cavolfiori e carciofi. Domanda sottotono per le clementine, stabili i prezzi dei mandarini.

Grazie all’accordo con Borsa Merci Telematica Italiana (Bmti) e Italmercati pubblichiamo la rilevazione dei prezzi dell’ortofrutta presso i mercati all’ingrosso al 16 gennaio 2023. Qui di seguito una sintesi delle principali tipologie di frutta e ortaggi in commercio. Nel pdf scaricabile trovate il dettaglio dei grafici e i rilevamenti sulle principali piazze italiane: Milano, Bologna, Padova e Roma.

Scarica i prezzi dell’ortofrutta in Italia al 16 gennaio 2023 in PDF cliccando qui

Arance: prezzi in calo

Ancora un ulteriore calo dei prezzi per le arance tarocco siciliane. Il freddo degli ultimi giorni sta aumentando la qualità e la pigmentazione del prodotto. In ingresso piccole quantità di arance bionde spagnole ma che non riescono a prendere piede per effetto degli alti quantitativi italiani disponibili. Da segnalare la maggiore richiesta per la pezzatura minore per le spremute.

Carciofi: prezzi  in aumento

Le quotazioni dei carciofi spuntano un rialzo grazie alle temperature in discesa che favoriscono un aumento della richiesta. Allo stesso tempo però le basse temperature e le piogge potrebbero causare danni alle culture.

Cavolfiori: prezzi in aumento

Risalgono i prezzi dei cavolfiori in particolar modo per il cavolfiore bianco. La campagna sta subendo un rallentamento per effetto delle piogge e del freddo. Le temperature basse fanno altresì spostare la domanda verso gli ortaggi da cottura. Buona la qualità del prodotto.

Clementine: prezzi in lieve calo

Ancora un lieve calo dei prezzi per le ultime clementine comuni. La campagna è stata caratterizzata da prezzi nella media del periodo a fronte di una domanda sottotono.

Lattughe: prezzi  in aumento

In aumento i prezzi delle lattughe, come cappuccio e soprattutto iceberg spagnole, sia su base settimanale che rispetto all’anno precedente. Per le lattughe italiane si registra una disponibilità non molto alta e i prezzi, anche se in risalita, restano su livelli inferiori ai livelli dello scorso anno.

Mandarini: prezzi tendenzialmente stabili

Risalgono timidamente i prezzi nel mercato di Padova mentre le altre piazze italiane evidenziano una maggiore stabilità. Su base annua, le quotazioni viaggiano su livelli inferiori rispetto alla campagna precedente.

Melanzane: prezzi  in aumento

Si osserva un nuovo aumento delle quotazioni della melanzana. È presente il prodotto di serra siciliano che, a causa dell’abbassare delle temperature e delle piogge, manifesta difficoltà di crescita. Fattore questo che determina un maggiore dispendio economico.

Pomodori: prezzi  in aumento

Ritorna a salire il prezzo del pomodoro tondo rosso a grappolo, sia italiano che spagnolo. I prezzi delle altre varietà, soprattutto datterino, risultano inferiori rispetto a dodici mesi fa. La domanda contenuta si interseca con una buona disponibilità di prodotto, principalmente siciliano.

Zucchine: prezzi  in deciso aumento

Scendono i quantitativi raccolti delle zucchine scure lunghe, fattore che ha impresso una spinta verso l’alto sulle quotazioni. Prezzi che tuttavia restano contenuti rispetto alla campagna precedente. Su buoni livelli la domanda.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome