Prende il via oggi a Nairobi la prima edizione di East Afripack

east afripack
Apre i battenti oggi, al Kenyatta Center di Nairobi, in Kenya, la prima edizione di East Afripack, fiera interamente dedicata alle economie emergenti dell’Africa orientale subsahariana. 135 espositori da 18 paesi, con tutta la filiera produttiva rappresentata, dalle tecnologie ai materiali per il processing, packaging e converting, daranno vita a un confronto fra i più attesi sul mercato delle tecnologie e dell’innovazione, con particolare riferimento al settore agroalimentare. La manifestazione punta a contribuire sensibilmente all’upgrading tecnologico nell’intera regione dell’EAC, area del continente africano in grande crescita, con il mercato del Kenya, paese che ospita la fiera, che viene indicato come uno dei più promettenti. 
 
East Afripack è stata presentata ieri in una conferenza stampa a Nairobi in cui Guido Corbella, amministratore delegato di Ipack-Ima Spa, ha fornito i dettagli della manifestazione, affiancato dai partners che supportano la manifestazione. «L’abbinamento fra conoscenze e competenze è fondamentale per dar luogo a una fiera di riferimento sul territorio, l’unica soluzione che riesce a far incontrare domanda e offerta apportando cultura tecnologica – ha evidenziato Corbella -. Le necessità tecnologiche dell’East Africa, nel cui tessuto industriale hanno un peso rilevante le piccole e medie imprese, sono state individuate attraverso una ricerca di mercato affidata a Unido. A queste conoscenze, si è aggiunto il know-how di Ipack-Ima Spa e Pmmi, che danno vita alle fiere leader del processo e del packaging in Europa e Stati Uniti, organizzatori in partnership di East Afripack, con l’apporto del ministero dell’Industrializzazione del Kenya, di Unido e di Eac».
 
Il packaging è prioritario per l’intera area est-africana, innanzitutto per il contributo alla soluzione del problema dello spreco delle produzioni agroalimentari, il 60% delle quali oggi non raggiunge il consumatore finale. Un packaging di qualità, inoltre, migliora la qualità della vita della popolazione, assicurando corretta conservazione dei prodotti e sicurezza alimentare. Non ultimo, con un packaging che rispetta gli standard più elevati si può incrementare l’export, avendo possibilità di vendere  prodotti anche in Paesi che presentano normative più restrittive.
 
La fiera, frutto di una straordinaria sinergia internazionale di eccellenze – quali la partnership organizzativa italo-statunitense e tutte le collaborazioni  con i soggetti istituzionali locali – lancia un segnale di ottimismo e di spirito d’iniziativa sul tema dello sviluppo e dell’upgrading tecnologico. Segnale questo di particolare rilievo in un momento di grande criticità economica a livello internazionale.
 
Un ottimo riscontro di pubblico qualificato è atteso in seguito all’importante lavoro di   selezione degli operatori dell’area EAC, fra cui rientrano i rappresentanti delle più importanti compagnie, dalle multinazionali alle imprese locali, provenienti, oltre che dal Kenya, anche da Tanzania, Uganda, Burundi, Ruanda ed Etiopia.
Sono stati invitati inoltre a East Afripack 80 delegati selezionati nell’industria privata e nelle istituzioni locali, nell’ambito del buyers program coordinato dallo steering committee della fiera e supportato dal ministero italiano per lo Sviluppo Economico e dall’ Ice- Italian trade agency.
 
Fondamentale è anche il momento Educational, con importanti attività collaterali previste durante la manifestazione: in primo luogo la Conferenza internazionale “Food processing & packaging innovation for a sustainable development”, promossa da Ipack-Ima Spa con il sostegno dell’Unido, dell’East Africa community (Eac) e del ministero dello Sviluppo del Kenya, che caratterizzerà i tre giorni successivi all’inaugurazione.
Atri eventi di grande importanza completano l’offerta di “cultura tecnologica”: la consulenza personalizzata per la programmazione degli investimenti in tecnologie con il “Business & technology planning team”, l’area “Innovation Corner”, in cui saranno messi a diretto contatto espositori e visitatori con la presentazione di case history di prodotto, la cerimonia di consegna dell’AfriStar Packaging Award, che premierà i migliori packaging dell’industria africana. La giornata conclusiva della manifestazione, 12 settembre, sarà dedicata agli studenti universitari e delle scuole di packaging con l’Education & traing day.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here