La Spagna verso un’Interprofessione Patata

Allo studio un’organizzazione interprofessionale della patata spagnola. Ci stanno lavorando il governo e i rappresentanti dell’industria per cercare di superare, attraverso la creazione di un ente che molto probabilmente dovrà essere statale, l’eccesso di frammentazione dell’offerta che ha determinato perdite per gli agricoltori di oltre 3mila euro per ettaro nelle ultime die campagne commerciali.

Il tavolo di lavoro. Un tavolo di lavoro è già aperto e coinvolge i rappresentanti del ministero dell’agricoltura spagnolo, dei produttori e dei distributori che si sono riuniti nei giorni scorsi con l’obiettivo comune di migliorare la situazione del comparto produttivo della Patata.

Dall’incontro, al quale ha partecipato il direttore generale del ministero Fernando Burgaz, i rappresentanti della Fepex, la federazione spagnola di frutta e verdura, delle cooperative agroalimentari e delle organizzazioni agrarie Asaja, Coag e Upa oltre che le associazioni che rappresentano il mondo della distribuzione, sarebbe già emerso un programma dei lavori che potrebbe portare, in tempi brevi, alla creazione di un ente a carattere statale anche in considerazione del fatto che al momento non ne esiste uno simile sul mercato con eccezion fatta per una specie di forum operativo nella regione di Castiglia Leon.

patate spagnole

Il comparto. La macchina interprofessionale è stata attivata dopo le ultime due campagne commerciali a dir poco disastrose per i produttori di tuberi per via dei prezzi estremamente bassi.

«Il problema – ha affermato José Ramón Aguado, responsabile di categoria per Fepex e presidente del forum nazionale della patata – è che il comparto è atomizzato sicché occorre trovare delle soluzioni per evitare che si ripetano il disastro della campagna 2014».

La campagna. A tal fine sarebbe già pronta una campagna di marketing che partirà il prossimo 24 maggio e servirà a rilanciare i consumi di patata in Spagna facendo riscoprire tutte le qualità e le proprietà di questo tubero.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here