Agrumi, in Marocco produzione record

L’export di agrumi dal Marocco la scorso stagione ha sfiorato le 600mila t a fronte di una produzione a dir poco eccezionale. Nella stagione 2013/2014 la produzione di agrumi marocchina è stata pari a 2.2 milioni di t (+47% rispetto all’anno precedente). Secondo il ministero dell’Agricoltura del Marocco nel paese Nord Africano sono in coltura ben 118mila ha di agrumeti di cui 98mila in produzione nel 2013/2014. Oltre alle ottime condizioni climatiche dell’ultima stagione in Marocco vi è comunque una continua crescita delle aree coltivate ad agrumi, anche per effetto di forti investimenti effettuati dal governo. I sussidi per i nuovi impianti ammontano infatti a 1.550 €/ha, a cui si aggiungono ulteriori incentivi riguardanti l’assicurazione delle coltivazioni, l’irrigazione e la scelta di materiale vivaistico certificato.

La scelta strategica del governo marocchino è destinata a essere ulteriormente premiata quest’anno soprattutto se continueranno le sanzioni russe sui prodotti dell’Unione europea. Fra i competitor delle produzioni marocchine in Russia si annoverano infatti la Spagna e la Grecia (oltre alla Turchia e all’Egitto).

La Russia è oggi il primo cliente del Marocco per quanto riguarda gli agrumi, essendovi stati indirizzate nell’ultimo quinquennio oltre il 50% del totale delle esportazioni di agrumi marocchini (nel 2013/14 260mila t di clementine e mandarini e 25.260 t di arance). Il secondo cliente del Marocco per gli agrumi è l’Unione europea (2013/2014: 90mila t di clementine e mandarini e 23mila t di arance). Il mercato europeo è tuttavia sempre più difficoltoso per i marocchini, anche per effetto del sistema daziario dei prezzi di entrata, riformato negli ultimi anni dalla Commissione europea: dal 2009 le esportazioni verso l’Ue sono quindi calate  drasticamente. I produttori marocchini hanno intensificato la propria attività verso la Russia anche grazie a un sistema di sussidi governativi che incentivano la esportazione verso questo paese e le destinazioni non- Ue. Fra queste vi sono gli Stati Uniti che nel 2012 hanno stretto con il Marocco un accordo di Free Trade (FTA – Free Trade Agreement); gli agrumi vengono oggi  esportati direttamente da Agadir a Wilmington (Delaware) e nell’ultima stagione si è arrivati alla rilevante quantità di 28mila t. Buone speranze anche per gli Emirati Arabi: nel 2012 è stata inaugurata una linea che collega Tangeri con Jabel-Ali

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato iscriviti alla newsletter gratuita.

2 Commenti

    • Buonasera, grazie per lo spunto di riflessione che ci ha dato. Chissà, potremmo anche pensare di farci su un articolo.
      Cordiali saluti
      La redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here