L’albicocca rossa Gallo arriva in Gdo

il presidente di Gallo, Natalino Gallo

In Gdo arriva un’albicocca completamente rossa che sarà inserita in fascia premium, a livello di pezzatura (maggiore di 50 g) e colore. È “Eccelsa”, così è stata chiamata dall’O.p. Agricor che la produce e che è proprietaria del marchio commerciale Gallo, da oltre 30 ann una delle maggiori realtà calabresi per la coltivazione e lavorazione di frutta e agrumi.

La commercializzazione dei frutti inizierà nelle prossime settimane; la creazione del brand Eccelsa fa parte di un piano di valorizzazione dell’intera produzione: l’azienda ha infatti dismesso la produzione delle albicocche gialle e completato quest’anno, con precoci e tardive, il programma di innovazione varietale dedicato all’albicocca rossa, che entro due anni le consentirà di vantare la produzione completa di tutte le varietà. Della rossa sono state distinte due linee, una tradizionale e una rosso scuro.

 Eccelsa

Mature al punto giusto

La raccolta inizierà verso la metà di maggio con la prima varietà precoce (Pricia) e si concluderà verso il 20 di luglio con la varietà Faralia. Rispetto al 2016, la produzione, su 250 ettari impiantati, la maggior parte dei quali in allevamento, sarà raddoppiata.

Le albicocche rosse a marchio Gallo saranno a disposizione in tutte le tipologie, 300, 500, 700 g, un chilo, un chilo e mezzo, sfuse. Eccelsa”, invece, verrà venduta nel cestino provvisto di manico da 600 g (perché sia ben distinta dal resto delle referenze) e sfusa, in cartoni da 40×60.

Quale la particolarità delle albicocche rosse Gallo in generale e di Eccelsa in particolare”? “Alla raccolta, per ogni varietà – spiega il presidente, Natalino Gallo – vengono effettuate da 10 a 13 passate, in modo che il frutto possa maturare il più possibile direttamente sulla pianta. Questo ne garantisce una maggiore dolcezza, un maggior sapore e una polpa più succosa. All’apertura, l’albicocca presenta la goccia vicino al nocciolo. Siamo inoltre dotati di un impianto che misura il grado Brix, in modo che, all’atto della commercializzazione, i frutti siano omogenei tra loro, quanto a maturazione”.

Per fare in modo che la clientela finale possa gustare il prodotto al giusto grado di maturazione, l’azienda ha ideato una modalità operativa che prevede l’inizio della raccolta dalle ore 5 della mattina; l’arrivo dei frutti in magazzino verso le ore 11, la partenza dei carichi alle ore 13 e l’arrivo al punto di vendita la mattina successiva. Da pochi mesi, inoltre, per agevolare la commercializzazione delle produzioni, l’azienda si è dotata di una seconda struttura, di 3.000 metri quadri, nella quale è stata impiantata una nuova linea di lavorazione delle albicocche, che utilizza sofisticate strumentazioni tecnologiche, in ambiente refrigerato.

 

Il valore della Piana di Sibari

Non va dimenticato il territorio di provenienza: “Le nostre coltivazioni sono collocate nella piana di Sibari, in provincia di Cosenza: questa è terra naturalmente vocata anche agli agrumi, proprio per i notevoli sbalzi termici tra giorno e notte. Tali condizioni, unite a una forte esposizione al sole, consegnano albicocche dal colore molto intenso. Inoltre, questi terreni alluvionali sono vergini, per queste coltivazioni, dunque particolarmente appropriati”.

 Nei prossimi mesi l’azienda avvierà anche attività di comunicazione direttamente sul punto di vendita, per presentare al consumatore le proprietà nutrizionali e le qualità di “Eccelsa” e delle Albicocche Rosse Gallo.

L’azienda vanta oggi linee produttive di eccellenza, per prodotti tipici legati al territorio come clementine, arance, albicocche e pesche. Dal 2012 ha differenziato la propria offerta grazie alla produzione di melagrana approfondendo la propria offerta con albicocche varietà rossa e nuove varietà di clementine. Produzione integrata e certificata «Globalgap» garantiscono massima qualità e salubrità nei confronti dei clienti nazionali e internazionali.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here