Il biologico italiano al Sial China

Il know how del biologico made in Italy sbarca in Cina con un appuntamento organizzato da Federbio: la partecipazione al Sial China, salone di riferimento nel settore dell’agroalimentare nel Paese.

Tutelare e favorire l’internazionalizzazione del comparto biologico italiano, è il cuore del piano strategico siglato nel 2009 da FederBio con il Ministero dello Sviluppo Economico. Una missione che la Federazione Italiana Agricoltura Biologica e Biodinamica porta avanti con una serie di programmi e di attività realizzate in sinergia con l’Ice (Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane) e con altri partner istituzionali di alto livello.

 

Federbio al principale salone asiatico sull’alimentare 

 In particolare l’Unione Europea e l’Italia sono i finanziatori dell’“Organic food Organic mood” (Ofom), programma triennale finalizzato ad accrescere e rafforzare il ruolo della comunità agroalimentare europea con un’attenzione specifica al settore del biologico nei Paesi extraeuropei, in particolare: Cina, Giappone e sa.

Tra le iniziative del progetto Ofom rientra la partecipazione di FederBio al Sial China 2017, la maggiore esposizione in Asia specializzata nell’innovazione alimentare, che dal 17 al 19 maggio ospiterà oltre 3.200 espositori in 149.500 metri quadrati e accoglierà oltre 80mila professionisti provenienti da tutto il mondo. Insieme alla Federazione sono presenti anche aziende del bio “made in Italy”.

“In Europa assistiamo ad un successo senza precedenti del settore biologico – commenta il presidente di FederBio, Paolo Carnemolla – un fenomeno che si traduce in un tasso di crescita della superficie biologica dell’8,2%; in un incremento del 13% del mercato che nel 2015 ha raggiunto quasi i 30 miliardi di euro; e in un giro d’affari che interessa oltre 413.000 tra produttori, trasformatori ed importatori di prodotti biologici. Vogliamo replicare questo successo oltre i confini europei e la Cina, grazie all’estensione territoriale e alle dimensioni del mercato, rappresenta una realtà molto promettente”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here