Con “Eye-catcher” si riducono gli scarti F&V

33

È un sistema di esposizione dell’ortofrutta ideato da Cabka, azienda tedesca specializzata nella produzione di pallet destinati all’industria agro-alimentare, che per la sua valenza innovativa si è guadagnato una candidatura all’Innovation Award dell’ultima edizione di Fruit Logistica.

Si chiama Eye-catcher e alla lettera significa “Ciò che attira l’attenzione” proprio in funzione dell’obiettivo per cui è stato ideato: migliorare l’esposizione di frutta e verdura sugli scaffali e, allo stesso tempo, ridurre gli scarti.

L’idea. Tecnicamente è una specie di telaio dotato di otto perni che va collocato sotto le cassette che, a loro volta, devono essere provviste di una base mobile (che sarà sollevata dai perni), su cui verrà posizionata la frutta e la verdura nelle confezioni originarie.

Sollevando la base, la cassetta sembrerà piena di frutta rendendo al consumatore l’effetto di un assortimento abbondante.

Gli scarti. Di solito questo effetto viene dato dalla sovrapposizione, su più strati, della frutta o della verdura. In questo modo, però, si aumenta il numero di merce di scaro.

Con il sistema tradizionale di esposizione, infatti, dove frutta e verdura vengono ammonticchiate per rendere l’effetto di ricchezza dell’assortimento, i prodotti collocati alla base si ammaccano sotto il peso di quelli sovrastanti. In questo modo, inoltre, si ha una maggiore manipolazione di frutta e verdura perché per esporre la merce occorre, toglierla dalle confezioni originali e ricollocarla sul banco ortofrutta.

Misure. Eye catcher è disponibile in tre diverse misure in base alla tipologia della merce e in base all’altezza de4lla base mobile che si usa

1 commento

  1. I think this is one of the most important info for me. And i am glad reading your article. But wanna remark on few general things, The web site style is ideal, the articles is really excellent D. Good job, cheers gfadkkeeefddddge

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here