Le mele della “memoria” e i goji dell’Azienda Agricola Perla

Sebastiano Iapichello, titolare dell'Azienda Agricola Perla, vende direttamente al consumatore ma progetta di portare i suo goji freschi in Gdo

E’ un’azienda frutticola, non grande come dimensioni, ma capace di chiudere il cerchio e creare il proprio valore aggiunto dalla trasformazione e dalla vendita diretta ed esclusiva dei propri prodotti. Un’azienda che punta sulla tipicità, sulla diversificazione delle specie e a volte anche su varietà locali, ben lontane da quelle da massa critica, come nel caso delle mele.

Non è un caso che in questa ricerca di valorizzazione la ciliegina sulla torta e anche il prodotto di punta, innovativo e di tendenza sia proprio il goji superfood, coltivato con un progetto ambizioso, arrivare alla gdo per offrirlo confezionato in vaschetta proprio come si fa con i piccoli frutti.

L’azienda è situata a Rocca Grimalda, in provincia di Alessandria, in un’area agricola che può alternare grandi stalle da latte e da carne alla frutticoltura, compresi i vigneti, oggi non più solo di uva da vino ma anche da tavola, delineando un paesaggio misto, fatto di aziende zootecniche ma anche ortofrutticole che si dilatano di taglia man mano che ci si avvicina alla provincia cuneese.

 

Offerta di frutta diversificata

Sebastiano Iapichello, titolare dell’Azienda Agricola Perla, conduce dal 1997 cinque ettari investiti a mele, pesche, albicocche, susine e uva da tavola dopo aver provato agli esordi con l’uva da vino. “Senza arrivare alla cantina – è difficile stare sul mercato e anche questa sarebbe stata una grande operazione. Così siamo passati alla frutta iniziando dalle mele e abbiamo cominciato a vendere direttamente sia in azienda agricola che nei farmer’s market”.

La mela, oltre che tal quale, viene venduta anche trasformata in succhi di diversi formati, sia in bottiglia che nel comodo bag in box. Tre i gusti, succo di mela con barbabietola ad azione detox, di mela da sola per gustarla appieno, mela con goji come smartfood.

 

Goji made in Piemonte

“Anche se i prodotti con il goji sono oggi abbastanza diffusi, siamo – sottolinea Iapichello – tra le poche aziende agricole a utilizzare il goji prodotto in azienda e non quello essiccato e importato dall’Oriente. Noi spremiamo solo goji freschi a chilometro zero”. Quest’anno il goji viene venduto anche fresco in vaschetta con frutti di diverse varietà e colore, arancio, rosso, giallo e nero.

La coltivazione del goji è recente nell’azienda agricola e la coltura, come spiega sempre il produttore, ha il vantaggio di offrire una raccolta scalare che inizia da questa stagione e arriva fino all’autunno: “Al momento siamo in fioritura perché siamo agli inizi. Si può trovare sulla stessa pianta il fiore, il frutto verde e il frutto maturo. Abbiamo il progetto di aumentare piano piano la produzione e cercare di arrivare alla grande distribuzione con un prodotto locale con una vaschetta ricca di vitamine e antiossidanti. Il goji è in realtà una solanacea quindi appartiene alla famiglia del pomodoro. Oggi sempre più catene puntano anche su prodotti tipici e locali come elemento di novità e diversificazione nell’offerta”.

 

Antiche varietà di mele

La produzione melicola dell’Azienda Agricola Perla si compone non solo di Golden, Fuji Renette e Gala, ma anche di cultivar antiche come la Summer Red, una mela che anticipa il periodo delle Gala e si raccoglie all’inizio di agosto, la mela Florina, la Enterprise, o la Jubilée, una mela francese più invernale e molto profumata.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here