Agricoltura lombarda, le nuove aziende producono spezie e ortofrutta

I dati della Camera di commercio di Milano, Monza Brianza e Lodi indicano in forte crescita le aziende che producono spezie ma anche ortofrutta

Non è una regione a vocazione ortofrutticola, ma è proprio in Lombardia che le aziende del comparto ortofrutta nell’ultimo anno hanno mostrato tassi di crescita a doppia cifra: a fronte di un totale di 46 mila imprese agricole attive in Lombardia, secondo i dati aggiornati a fine settembre 2018 della Camera di commercio di Milano, Monza Brianza e Lodi e di Coldiretti Lombardia, sono in forte crescita le imprese che producono spezie, passate da 103 a 133 con un rimbalzo del 29% rispetto allo scorso anno e aperte soprattutto nella provincia di Como.

Spiccano tra le aperture i produttori di ortaggi protetti che passano da 151 a 173 e mettono a segno un incremento del 15%, così come le aziende di ortaggi in piena aria, che passano da 1.148 a 1.205 e risultano in progresso del 5%.

Sempre a doppia cifra aumentano le aziende che producono frutta che da 397 salgono a quota 454 evidenziando un incremento del 14% mentre le aziende vivaistiche passano da 413 a 439 mettendo a segno una crescita del 6%.

Crescono anche altri comparti del settore primario come l’allevamento di bufali (da 370 a 393, +6%), i servizi di supporto agli agricoltori (da 858 a 901, +5%) o il riso (da 243 a 266, +10%).

Per quanto riguarda le province della Lombardia agricola al primo posto c’è Brescia con circa 10 mila imprese, seguita da Mantova con 8 mila, Pavia con 6 mila, Bergamo con 5 mila, Cremona e Milano con quasi 4 mila. A Como si registrano 2 mila imprese, a Varese quasi 2 mila imprese mentre a Lecco se ne contano oltre mille.

 

Crescono di più le aziende di produzioni esotiche e legate al benessere

“Il settore agricolo lombardo – spiega Giovanni Benedetti, direttore di Coldiretti Lombardia e membro di giunta della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi – da una parte conferma le produzioni tradizionali della nostra regione, che rimane al vertice in Italia per la produzione di latte, dall’altra guarda con sempre maggiore attenzione alle produzioni che rispondono alle esigenze di benessere”.

Quasi una impresa su quattro è femminile, le donne crescono soprattutto a Como (+1,2%) e a Lecco (+0,7%) e sono circa 10 mila le imprese di donne nei settori agricoli.

Sono stabili i giovani, che registrano tuttavia incrementi a Brescia, Milano, Lecco, Monza, Sondrio, Varese, e complessivamente si contano oltre 3 mila attività condotte da giovani.

Aumentano del 5% le imprese aperte da stranieri che crescono di più a Como, da 48 a 57, a Milano, da 61 a 68, a Pavia da 69 a 75. Gli imprenditori non italiani restano più numerosi a Brescia e Mantova, con oltre 100 imprese.

 

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here