La Spagna approva la legge sulla qualità

15

La Commissione agricoltura del Senato ha approvato ieri, 21 luglio 2015, la legge per la difesa della qualità dei prodotti alimentari. Si tratta dell’ultimo iter parlamentare di una norma che è stata richiesta a gran voce anche perché la sua entrata in vigore permetterà di eliminare l’attuale frammentarietà legislativa con delle regole che saranno uguali per tutti gli operatori del settore alimentare a prescindere dal territorio in cui operano.

Gli obiettivi. «In questo modo – si legge in una nota ufficiale del ministero spagnolo dell’agricoltura – la legge contribuirà ad unificare il mercato nell’ambito del controllo di qualità e nella difesa contro le frodi alimentari; permetterà di implementare la competitività, la trasparenza e la chiarezza oltre che proteggere i diritti degli operatori del0industria agro-alimentare dalla concorrenza sleale».

controlli e sanzioni. Con questa legge, che introduce nuove sanzioni contro le frodi alimentari, la Spagna si allinea alle regole europee vigenti su questo tema che prevedono, fra le altre cose, l’integrazione di nuove forme controllo come ad esempio la tracciabilità (fino ad ora quasi sconosciuta) e l’autocontrollo sia da parte dell’azienda produttrice che delle associazioni di categoria.

Il controllo sarà realizzato anche attraverso la creazione di un canale per lo scambio di informazioni sulle frodi che funzionerà a livello statale, con gli organi preposti dell’Unione europea e con altri Stati membri.

Procedure uguali per tutti. Vengono definite delle procedure di controllo per le ispezioni negli stabilimenti. Procedure che adesso saranno uguali su tutto il territorio del Paese e non cambieranno più da regione a regione

«Si tratta di un risultato – continua la nota del ministero – che faciliterà l’innovazione e lo sviluppo di nuove imprese responsabili in Spagna e al tempo stesso garantirà al consumatore l’acquisto di prodotti di qualità. In questo senso con la novella legislativa, il governo continua nei suoi sforzi per modernizzare la normativa sulla qualità dei prodotti alimentari con l’obiettivo di creare un quadro adeguato per migliorare la competitività dell’industria spagnola e migliorare la fiducia dei consumatori sul mercato nazionale e internazionale. Ciò che serve per dare più prestigio al marchio “Spagna” che è legato ad un Paese naturalmente vocato all’export.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here