SunGold di Zespri sbanca il mercato

23

SunGold, la nuova varietà di kiwi giallo che Zespri sta lanciando in tutto il mondo, è stato il vero protagonista di dell’ultima campagna appena conclusa.

Il piano di investimenti. L’appeal del prodotto venduto in mezzo mondo, ha fatto sì che già da quest’anno sono programmati forti incrementi dei volumi prodotti in Nuova Zelanda da qui al 2020 con un escalation che parte dalle 18,7 milioni di casse prodotte per questa stagione 2014/2015 alle circa 30 milioni programmate per l’anno prossimo fino ad arrivare a 60 milioni nella stagione 2019/2020. Ci saranno, inoltre, forti aumenti dei volumi anche per le produzioni non neozelandesi che, secondo le previsioni, passeranno dalle attuali 2,5 milioni di casse a circa 15 milioni nella stagione 2019/2020.

Zespri AGM

La resa. «Sungold – ha spiegato il presidente di Zespri, Peter McBride agli oltre 350 produttori-azionisti che si sono riuniti oggi a Tauranga per la tradizionale riunione annuale – ha dimostrato un ottima resa sia sul campo, sia lungo la catena di distribuzione che sul mercato sicché pensiamo di continuare a promuoverlo presso i consumatori e i clienti con azioni di marketing su scala mondiale».

La campagna. Il bilancio complessivo della campagna è positivo con 1,6 miliardi di dollari di vendite ed una crescita del 16% a dispetto della lentezza con cui gira l’economia globale. In crescita del 17% anche i pagamenti totali per frutta e servizi che sfiorano il miliardo di dollari (939 milioni). Il volume di vendite complessive del kiwi neozelandese cresce dell’11% con 95,2 milioni di cassette che saranno destinate a diventare 130 nei prossimi 5 anni.

Le risorse. Raddoppiano gli utili netti (da 17,2 milioni dell’anno socrso a 34,6 di quest’anno) in conseguenza però del pagamento una tantum di 19,6 milioni di euro derivati dalle licenze di nuove cultivar risalenti agli anni precedenti. Al netto di questo pagamento eccezionale comunque, gli utili si assestano intorno a 21,5 milioni di dollari, un dato che si rifletterà anche sul piano di investimenti nella crescita produttiva che si va profilando.

Lain Jager Zespri AGM 1

Le sfide. «Il cambio valuta – spiega Lain Jager, amministratore delegato di Zespri – continua ad impattare sui guadagni dei produttori riducendo i pagamenti di 58,1 milioni di dollari che però sono compensate da una politica di hedging aziendale che limita gli effetti negativi della forza del dollaro neozelandese. Grazie anche ad una carenza di kiwi cileno, quest’anno, abbiamo potuto registrare il rendimento per cassa più alto in assoluto e pari a 6,01 dollari. Ma le sfide che abbiamo davanti ci costringeranno a fare i conti, dalla prossima campagna, con la debolezza dell’euro e dello yen oltre che con la ripresa dei volumi cileni. Ce la giocheremo anche con l’innovazione».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here