Andamento prezzi ortofrutta in Italia al 9 ottobre 2017

In rialzo i prezzi di castagne e pomodori, lieve rialzo per mele e finocchi, stabili o in calo le altre varietà. Ecco le rilevazioni dei prezzi ortofrutta in Italia nei maggiori mercati all'ingrosso

Grazie all’accordo con Borsa Merci Telematica Italiana (Bmti) pubblichiamo la rilevazione del prezzi dell’ortofrutta presso i mercati all’ingrosso al 9 ottobre 2017.

Qui di seguito una sintesi delle principali tipologie di frutta e ortaggi in commercio, nel pdf scaricabile trovate il dettaglio dei grafici e i rilevamenti sulle principali piazze italiane: Milano, Bologna, Padova e Roma.

Scarica i prezzi dell’ortofrutta in Italia in PDF cliccando qui

Castagne. Prezzi in aumento

La produzione in molte zone è stata ostacolata dall’andamento climatico estremamente caldo. Nell’appennino tosco emiliano la produzione sembra sia molto limitata, anche se in queste aree è minore l’incidenza della vespa cinese. Sebbene la produzione in molti areali non sia ancora cominciata, si riscontra una discreta presenza di prodotto piemontese. La domanda di castagne è abbastanza alta e le quotazioni si attestano su livelli medio alti.

Cicorie e Radicchi. Prezzi in calo

Le quotazioni sono in calo a causa dell’incremento della produzione. Si mantengono prezzi più alti per riccia e scarola, perché è presente sul mercato una certa quota prodotto non ottimale. Per i prodotti di buona qualità i prezzi si attestano sopra i 2,00 €/kg.

Finocchi. Prezzi in leggero aumento

Le quotazioni per il prodotto di pregio sono medio alte. La disponibilità di prodotto non è ancora elevata per le principali regioni di produzione quali Campania e Puglia. La domanda sta aumentando ed è anticipata rispetto all’offerta, perché le temperature sono calate prima rispetto alla norma.

Mele. Prezzi in leggero aumento

La raccolta nelle aree alpine è quasi terminata ed entro breve si capirà quale è la qualità e la quantità del prodotto che verrà messo in commercio i prossimi mesi. I prezzi sono stabili su livelli elevati con possibilità di aumento.

Pere. Prezzi stabili

Il livello della domanda non è ancora elevato. È migliore la performance per William e Max Red Bartlett.

Pomodori. Prezzi in aumento

I prezzi risultano in generale aumento. Si osservano ancora incrementi per datterini, ciliegini e piccadilly. I rialzi hanno interessato anche i tondi rossi a grappolo sia nazionali che olandesi. Si osserva un aumento della produzione centromeridionale, in particolare siciliana.

Uva da tavola. Prezzi stabili

Le quotazioni sono sostanzialmente stabili. Le vendite si mantengono regolari, con un livello della domanda non particolarmente elevato. Il sentimento del mercato rispetto alle quotazioni è che siano più basse rispetto a quanto dovrebbero perché la produzione probabilmente si esaurirà con diverse settimane di anticipo.

Zucchine. Prezzi in calo

La situazione si è ormai stabilizzata su prezzi nella media del periodo grazie all’incremento della produzione, soprattutto siciliana e laziale.

Igor Ovsyannykov

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here