Ipsos, vince il benessere nel carrello della spesa

Creative vegetarian cooking at home with fresh healthy vegetables chopped, salads and kitchen wooden utensils, healthy eating text concepts on the left

Un carrello della spesa sempre più orientato a salute e benessere. Con il biologico sempre più importante: nella prima metà del 2016 ha infatti registrato un tasso di crescita del 20% a valore e in un solo anno è passato dal 2,5% al 3,1% del valore del carrello. Numeri ancora modesti, ma in crescita. Il 39% dei consumatori indica proprio che le produzioni senza l’uso della chimica di sintesi aumenteranno maggiormente il loro peso nei carrelli nei prossimi 5 anni.

E’ uno dei dati emersi dalla ricerca “Agroalimentare, falsi miti e nuove verità” illustrata da Jennifer Hubber, Ceo di Ipsos Italia, alla presentazione di Tuttofood, la manifestazione dedicata al settore in programma a Fieramilano da lunedì 8 a giovedì 11 maggio prossimi.

Lo studio prevede una forte crescita anche per i surgelati pronti al consumo, indicati dal 35% dei consumatori, e i surgelati pronti da cuocere (28%): il 51% dei consumatori indica almeno uno dei due, mettendo quindi i surgelati al centro del prossimo futuro. In crescita anche pasta (23%), i prodotti a base di pesce (22%) e i piatti pronti e sughi pronti (21%). Gli operatori concordano con queste ipotesi sul futuro, e vedono un futuro particolarmente importante per i surgelati pronti al consumo.

L’indagine commissionata a Ipsos si era un obiettivo preciso, capire se i trend individuati dagli operatori corrispondano ai desideri dei consumatori per valorizzare al massimo il momento espositivo e sviluppare un’offerta più efficace. La domanda è stata rivolta a un campione rappresentativo della popolazione italiana tra i 18 e i 65 anni e a un campione di espositori e buyer di Tuttofood.

Oggi i consumatori sono sempre conquistati dai prodotti senza glutine (+20,6% delle vendite a valore) e prodotti senza lattosio (+7,1%). Molto richiesti i prodotti per intolleranze e diete specifiche (38%), in forte crescita rispetto al passato assieme all’attenzione alla sostenibilità della filiera (28%), e all’utilizzo di etichette più esaustive (26%).

In calo, invece, i prodotti a base di carne, indicati dal 35% dei consumatori, che sembrano quindi continuare il trend decrescente osservato da una decina d’anni anche se i salumi affettati, essendo prodotto a maggiore contenuto di servizio, hanno mostrato un trend di vendite a valore positivo nell’ultimo anno. In flessione anche i consumi di olii e grassi vegetali (24%), bevande dolci ed energy drink (21%), alcoolici (18%) e latticini o derivati del latte (16%).

Ed ecco i due driver dei consumi nei prossimi cinque: il prezzo, indicato dal 56% dei consumatori, e qualità, chiesta dal 50%, con un consumatore su quattro che le indica entrambe.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here