Fruit Attraction 2017 scalda i motori

Fruit Attraction 2017, organizzata da Ifema (Fiera di Madrid) e Fepex (Federazione spagnola degli esportatori) a Madrid, aprirà le porte dal 18 al 20 ottobre 2017 nei padiglioni 5, 6, 7, 8, 9 e 10, ospitando, in base alle previsioni, oltre 1.500 aziende del trade ortofrutticolo, una partecipazione in aumento del 20% rispetto al 2016.

Il fatto che la kermesse si svolga nel mese di ottobre, momento clou per pianificare e chiudere i contratti di fornitura tra fornitori e buyer di frutta e verdura, ha contribuito a far diventare Fruit Attraction uno dei principali eventi internazionali del settore.

Il Sud-Europa si sta consolidando sempre più come nuovo hub mondiale per la commercializzazione di ortofrutta, e come porta di ingresso dell’Europa dall’America Latina, che posiziona strategicamente Fruit Attraction come piattaforma e punto incontro internazionale.

Gli organizzatori della manifestazione hanno lavorato molto per mettere a punto una roadmap strategica che consentirà di continuare ad offrire ai mercati internazionali uno strumento di marketing efficace per i prossimi anni. Ecco perché l’edizione 2017 si annuncia piena di novità.

Per la prossima edizione Fruit Attraction ha invitato un numero maggiore di responsabili degli acquisti, importatori e commercianti tra quelli con la migliore performance degli ultimi anni nelle importazioni di ortofrutta dall’Unione europea.

Una novità di quest’anno sarà l’iniziativa Guest Buyer Market, focalizzata su Brasile e Cina, con l’obiettivo di sviluppare azioni che promuovono la crescita e lo sviluppo delle relazioni commerciali tra i principali operatori in questi mercati, attraendo i principali responsabili degli acquisti, gli operatori, importatori, vendita al dettaglio di entrambi i paesi.

The Nuts Hub è la nuova area dedicata interamente al mercato della frutta secca, un settore strategico per la Spagna per il valore e la qualità della sua produzione, mentre il nuovo programma Fresh’n’star prevede diversi seminari e una vetrina dedicata in particolare alle due grandi protagoniste: la lattuga e il melograno.

All’evento non mancherà anche l’aspetto legato al sostegno alla giovane imprenditoria: si è voluto infatti creare il programma Lanzadera che mette a disposizione nuovi spazi espositivi di sei metri quadrati a prezzi competitivi. L’obiettivo è quello di sostenere e promuovere le realtà del settore nate negli ultimi due anni, anche grazie al premio di 12 mila euro per il miglior progetto in esposizione.  Il tutto nel segno di una produzione più efficiente con più alti livelli di qualità e controllo e un minore impatto ambientale.

Smart Agro è invece una nuova area espositiva di grandi dimensioni dedicata alla trasformazione digitale e all’innovazione tecnologica della catena alimentare, alla produzione, trasformazione, distribuzione e commercializzazione, nonché all’attività di ricerca e sviluppo sul settore ortofrutticolo, con l’obiettivo di ottenere una produzione più efficiente, con alti livelli di qualità e controllo, nonché piccoli urti ambientale. Su questi temi verranno organizzati workshop e conferenze  Inoltre, dando continuità alle precedenti edizioni, la Fiera migliorerà le aziende dell’area dedicata al biologico sempre più richiesto dal mercato internazionale.

La Fiera mantiene le aree tradizionali, Pasarela Innova e Innovation Forum, per presentare gli ultimi prodotti, varietà o marche offerte dagli espositori. Inoltre la sezione Fruit Fusion rappresenterà lo spazio gastronomico a Fruit Attraction con dimostrazioni e showcooking.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here