Pubblicata la riforma Ue sull’agricoltura biologica

Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea, la nuova normativa Ue sull'agricoltura biologica entrerà in vigore nel 2021

Approvato nell’aprile scorso e appena pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea, il nuovo regolamento sull’agricoltura biologica entrerà in vigore nel 2021. “L’Italia -ha dichiarato il ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali, Gian Marco Centinaio– si conferma leader europeo per l’agricoltura biologica, sia in termini di mercato sia in termini di superfici. Abbiamo tre anni per lavorare alle modifiche necessarie a rendere, per esempio, ancora più stringenti le regole sulla qualità oppure per lavorare e correggere il tiro su temi come le deroghe o la conversione”.

“I prossimi mesi”, ha concluso il ministro, “saranno dunque particolarmente intensi per il lavoro che ci attende a Bruxelles e vigileremo con attenzione sui numerosi atti delegati ed esecutivi che la Commissione è chiamata ad emanare per completare il quadro normativo europeo del biologico”.

Critiche del mondo agricolo al nuovo regolamento Ue sul biologico

“Un regolamento che presenta moltissime ombre e che rischia di annacquare la qualità della produzione agricola biologica italiana ed europea”. Ha così commentato Confagricoltura evidenziando che sulla spinta dei Paesi del nord Europa si permette di coltivare i prodotti bio anche senza seminarli su terra, perdendo così la naturale difesa della biodiversità, uno dei cardini dell’agricoltura biologica. “Altrettanto grave – aggiunge – è consentire, senza alcun rispetto per il consumatore e il produttore, di vendere prodotti biologici contaminati accidentalmente da pesticidi”.

Anche Coldiretti aveva criticato la normativa Ue indicando che i prodotti certificati come biologici sarebbero stati contaminati da prodotti chimici fitosanitari e addirittura ottenuti fuori suolo. Pollice verso anche alla deroga che consentirà ad alcuni Stati del nord Europa di continuare a produrre impiegando letti demarcati in serra per un periodo di 10 anni.

Per i prodotti importati, infine, continuerà a sussistere il principio dell’equivalenza, sia pure per un periodo transitorio, durante il quale sarà più elevato il rischio di un aumento delle importazioni prima dell’adozione del sistema di conformità.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here