Il bio, un mercato da 34 miliardi l’anno in Ue

Durante il Salone internazionale in corso a Norimberga sono stati rilasciati gli ultimi numeri sull’andamento del biologico che evidenziano un incremento sia come consumi sia come superficie coltivata: quasi 70 milioni di ettari a livello mondiale e circa 2 milioni di ettari in Italia

La mozione approvata dalla camera ha chiesto una maggiore valorizzazione dell'agricoltura biologica
La mozione ha chiesto una maggiore valorizzazione dell'agricoltura biologica

Il settore del biologico è un mercato globale che continua a crescere a ritmi elevati: le vendite al dettaglio di prodotti biologici nell’Unione Europea hanno superato i 34 miliardi di euro, che diventano 37 miliardi di euro (+10,5% rispetto al 2016) se si considera l’Europa geografica; sono aumentati anche i produttori + 4% nell’Ue.

I dati presentati evidenziano inoltre un incremento delle superfici coltivate a bio che in Europa registrano +1 milione di ettari. L’Italia con 1,9 milioni di ettari e 68mila coltivatori è al secondo posto dopo la Spagna. Sono i dati recentemente presentati alla 30ª edizione di BioFach, la principale fiera mondiale per alimenti biologici.

“Le dimensioni e i trend di sviluppo dell’agricoltura biologica in Europa rendono ancora più evidente non solo l’importanza quantitativa del biologico italiano ma la necessità per l’Italia di assumere una leadership relativamente agli aspetti politici e normativi. Anche per questo non possiamo che ribadire l’appello al Governo italiano e al Senato della Repubblica di accelerare l’iter di discussione e votazione in aula del progetto di legge sull’agricoltura biologica già approvato a larghissima maggioranza dalla Camera lo scorso dicembre”, ha affermato Paolo Carnemolla, presidente FederBio.

Sottolineando il primato italiano, il paese europeo con il maggior numero di imprese di trasformazione (oltre 18mila), FederBio auspica che venga presto approvato anche al Senato il progetto di legge sull’agricoltura biologica.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato iscriviti alla newsletter gratuita.

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome