Un presepe tutto di mele

Presepe con le mele

Con il progetto MondoMelinda, i bambini della scuola dell’infanzia di Mollaro hanno realizzato un originale allestimento natalizio usando statuette fatte con le mele


È stato inaugurato giovedì scorso, in occasione della festa dell’attesa, il presepe curato dai piccoli alunni della scuola equiparata dell’infanzia di Mollaro (visitabile fino all’Epifania) e realizzato in occasione del progetto MondoMelinda.

L’allestimento scenografico è completamente naturale: i bambini hanno raccolto nel bosco pigne, foglie, rami che, insieme con le mele Melinda, hanno creato un originalissimo insieme di personaggi completamente artigianali.

Il presepe rappresenta il culmine di un progetto, durato due anni, che ha visto Melinda impegnata in prima persona nella trasmissione ai bimbi di valori chiave quali la sostenibilità, il rispetto per la natura, l’impegno, la cooperazione e naturalmente la crescita. Il coinvolgimento dei bambini più piccoli, in particolare, era concentrato verso l’educazione alla partecipazione attiva alla vita comunitaria e alla conoscenza del proprio territorio e delle sue risorse.

Scuola, famiglie, comunità locale, aziende. Tutto il tessuto sociale locale ha partecipato alla realizzazione del progetto attivando delle collaborazioni virtuose.

I bambini sono stati coinvolti in un’attività speciale che li ha fatti entrare a diretto contatto con la natura, diventando protagonisti attivi della crescita e dello sviluppo del territorio. Nei mesi precedenti i bambini della scuola dell’infanzia hanno prima partecipato alla raccolta delle mele con trattori a loro misura, poi al conferimento dei prodotti in MondoMelinda. I frutti sono poi stati conservati nelle celle frigorifere per poi essere selezionati. Una volta scelte le mele migliori sono poi state consegnate a una scuola materna di Verona, segno di una collaborazione che fa della generosità un elemento chiave.

Grazie a questa iniziativa i bambini sono stati i veri protagonisti della filiera di Melinda. Questo ha permesso loro di avere un contatto diretto con la natura seguendone le fasi, di comprendere, sperimentandolo, un lavoro impegnativo ma di grande soddisfazione, di capire in maniera semplice ma assolutamente realistica il concetto di sostenibilità.


Pubblica un commento