Spagna e Germania, mercati promettenti per le insalate di IV gamma

Flying vegetables - salad ingredients. Isolated on a white background.

Non si arresta la crescita del mercato delle insalate di quarta gamma nel medio periodo. L’Ufficio Studi e Ricerche Fondosviluppo – Confcooperative su dati Euromonitor dal 2015 al 2020 prevede un progresso del vendite in Italia e Francia, ma soprattutto in Spagna e Germania.


Ancora spazi di crescita per le insalate di quarta gamma nel medio periodo, sia in Italia che in Francia, che è oggi il primo mercato mondiale, ma soprattutto in Spagna e Germania, dove gli aumenti saranno a doppia cifra. Sono le previsioni dell’Ufficio Studi e Ricerche Fondosviluppo – Confcooperative su dati Euromonitor dal 2015 al 2020.

In Italia i volumi di vendita delle insalate di quarta gamma continueranno a registrare andamenti positivi, con una crescita del 7,5% (da 105.300 tonnellate a 113.200 tonnellate). Per quanto riguarda il valore delle vendite, di contro, è atteso un ridimensionamento pari al -3,8% (da 858,9 milioni di euro a 826,4 milioni di euro). E’ previsto infatti un significativo calo dei prezzi unitari, riconducibile alle numerose promozioni e sconti applicati dai distributori e al fatto che tali prodotti rappresentano un elemento di punta per le private label.

Anche in Francia, che nel 2015 è risultato il primo paese al mondo, in termini di volumi e valore delle vendite del mercato delle insalate di quarta gamma (con l’Italia al secondo posto) è atteso, secondo Confcooperative su dati Euromonitor, un avanzamento del 7,1% (da 140mila tonnellate a 150mila tonnellate) dei volumi di vendita e dell’11,2% (da 874milioni di euro a 973 milioni di euro) nel fatturato. Questo grazie alla crescente richiesta di prodotti non solo salutari ma anche convenienti dal punto di vista della preparazione e del consumo.

Un progresso a due cifre è previsto in Spagna dove le insalate di quarta gamma saranno la categoria più dinamica nel mercato dei piatti pronti, con i volumi in aumento del 10,9% (da 89mila tonnellate a quasi 99mila tonnellate) e con un rimbalzo del valore delle vendite del 35,1% (da 477milioni di euro a 645 milioni di euro) entro il 2020. Uno sprint legato alle grandi innovazioni oltre che all’interesse del consumatore per prodotti freschi, naturali, convenienti e bilanciati come ingredienti.

Anche in Germania dal 2015 al 2020 il mercato delle insalate di quarta gamma è destinato a marciare a ritmi sostenuti. Confcooperative su dati Euromonitor prevede un progresso del 13,4% in quantità (da circa 94mila tonnellate a quasi 107mila tonnellate), mentre il valore crescerà del 17,4% (da circa 365 milioni di euro a poco più di 429 milioni di euro).


Pubblica un commento