Avanza il biologico e la cucina vegana

ortaggi_cassetta

Cresce il biologico a due e tre cifre secondo il Rapporto Biobank 2016. L’e-commerce di alimenti bio sono cresciuti del 71% e da luglio 2016 l’ortofrutta senza l’uso della chimica di sintesi si riceve a casa tramite Amazon grazie a un accordo con la catena specializzata NaturaSì


Numeri piccoli, ma in continua crescita, trainati anche dai progressi dell’e-commerce. Così il biologico mostra tassi di crescita a due e tre cifre in base ai dati del Rapporto Bio Bank 2016. Nell’alimentazione, dal 2011 al 2015, spiccano nettamente gli e-commerce di alimenti bio che sono cresciuti del 71% e anche le attività di ristorazione (+69%). Riguardo alla crescita delle vendite on line dopo Alce Nero, che era sbarcato sul web con un negozio on line di un centinaio di referenze, da luglio 2016 si possono ordinare i prodotti al supermercato NaturaSi anche i freschi e l’ortofrutta direttamente tramite Amazon con la consegna entro un’ora.

Nei ristoranti bio sta emergendo inoltre una nuova tendenza: accanto a una sempre più presente cucina vegetariana sta avanzando anche la cucina vegana. Nei ristoranti che non usano materie prime ottenute con la chimica di sintesi prevale la cucina vegana, indicata dal 55% dei locali e quella vegetariana dal 54%.La catena Vegga Days, la prima rete in franchinsing di ristorazione vegana e biologica in Italia è passata dai 3 locali del 2013 ai 13 del 2015.

Tra il primo censimento Bio Bank del 2001 e l’ultimo del 2015 l’offerta di prodotti bio con la marca dei supermercati è quasi quadruplicata: da oltre 600 referenze si è passati a quasi 2.300. Una crescita determinata sia dall’ingresso di nuove catene, sia dall’ampliamento e dall’approfondimento delle gamme esistenti. Sono 14 le insegne prese in esame nel Rapporto.

Nella classifica delle regioni leader 2015 l’asso pigliatutto è la regione Emilia-Romagna per numero assoluto di attività. Segue a ruota la Lombardia. Al terzo posto la Toscana per gli alimenti. Più frammentata la classifica per densità. Nell’alimentazione l’Emilia-Romagna è leader per numero di e-commerce, ristoranti, vendita diretta e mercatini. La Lombardia per mense, gruppi d’acquisto e negozi. La Toscana per gli agriturismi.


Pubblica un commento